GROTTAMMARE – “Opere per il centro e per un nuovo lungomare”. Questi gli argomenti all’ordine del giorno dell’assemblea pubblica in programma lunedì 19 agosto nella Sala Consiliare del Municipio, ore 21.15.

Alla riunione è invitata come sempre tutta la cittadinanza, ma l’invito è particolarmente rivolto ai residenti dei quartieri più centrali della città. La rimodulazione dell’accordo di programma “Ex Cardarelli”, infatti, sarà il punto di partenza dell’incontro, dopo l’ipotesi di completare il programma delle opere a vantaggio pubblico contenute in quell’intesa, realizzando un parcheggio in pieno centro, anziché nel quartiere Stazione.

Durante l’assemblea, dunque, le caratteristiche e i termini del Piano di riqualificazione urbana “Ex Cardarelli” saranno illustrate dai tecnici comunali, mentre sarà il sindaco Enrico Piergallini ad aprire con la cittadinanza un dialogo sull’opportunità di aprire nuovi cantieri, ad esempio per la ristrutturazione del lungomare centro, che rispondano maggiormente alle esigenze della città.

Ricordiamo che nel Consiglio comunale avvenuto l’8 aprile 2013, data in cui era ancora in carica l’ex sindaco Luigi Merli, l’iter legale/tecnico venne dichiarato “sospeso”. Ecco le parole di Merli durante il Consiglio: “Ad oggi non c’è nessun progetto definitivo, abbiamo proseguito l’iter burocratico e la commissione di vigilanza diceva che era accettabile. Abbiamo portato l’idea progettuale nelle assemblee di quartiere (tre o quattro assemblee ndr) e per i cittadini presenti, l’interesse c’era. Abbiamo detto al privato di presentare uno studio approfondito. Siamo però arrivati a ridosso dell’inverno e non c’erano i tempi per la realizzazione e abbiamo fermato l’iter, anche se io sono convinto che sia una risorsa per la città. Portarlo avanti ora, visto che ci sono le elezioni, sarebbe una forzatura. C’è già uno studio geologico e ingegneristico ma non è finito. Le verifiche non sono ancora terminate. Avrei preferito che i cittadini si presentassero in comune più che ricevere una lettera dall’avvocato. Ora il progetto è in standby e ribadisco, fatte le verifiche a mio avviso sarebbe un valore aggiunto alla città. Io finisco tra meno di cinquanta giorni e non ha senso portarlo avanti. A giugno si potrà decidere se fermare la realizzazione, se portarla avanti o addirittura spostarla”.

L’appuntamento costituisce la prima assemblea pubblica della nuova amministrazione comunale, come fa rilevare il primo cittadino: “Convochiamo un’assemblea in estate per la prima volta, vista l’urgenza e l’importanza di questo progetto. Il nostro obiettivo è aggiornare l’accordo di programma Cardarelli alle nuove esigenze emerse in questi anni nella città. Come sempre, prima di partire, intendiamo confrontarci con i cittadini praticando il metodo partecipativo che ci caratterizza”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 390 volte, 1 oggi)