MONTEPRANDONE – L’Amministrazione Comunale di Monteprandone, al fine di migliorare e valorizzare l’offerta culturale, informa che per tutto il mese di agosto sarà possibile visitare il Museo del Santuario di San Giacomo, il Museo Civico dei Codici di San Giacomo della Marca e il Museo di Arte Sacra.

Le tre strutture accoglieranno i visitatori ogni venerdì, dalle 16 alle 17 e dalle 19 alle 23, e tutte le domeniche dalle 19 alle 23. Dal 7 all’11 agosto, in occasione della 38esima sagra delle olive all’ascolana, i Musei resteranno aperti tutte le sere sempre dalle 19 alle 23.

Alcune informazioni su queste importanti realtà culturali:

Museo Civico dei Codici di San Giacomo della Marca: contiene 61 volumi della Libreria di San Giacomo. Tra questi ve ne sono quattro autografi del Santo con trascrizioni di sermoni ed omelie ed una lettera che lo stesso indirizzò a San Giovanni da Capestrano, suo amico e confratello. All’interno del museo sono anche presenti due antiche mappe di Monteprandone del XVIII e XIX sec. ed una moneta coniata nel 1652 da Carlo II Gonzaga-Nevers, duca di Mantova e del Monferrato. La moneta celebra la nascita di Ferdinando Carlo, figlio di Carlo II e Clara d’Asburgo che non potendo avere figli invocarono il Beato Giacomo della Marca, molto venerato a Mantova ed attuale Compatrono della città.

Museo di Arte Sacra: nato nel 2000 è allestito nella navata dell’ex Collegiata che conserva alcuni affreschi murali datati tra il XIV ed il XVI sec. Attualmente ospita alcune tele, reliquie ed opere d’arte appartenenti alla Parrocchia di San Nicolò di Bari. Da segnalare il Crocifisso ligneo del XIII sec, la statua della Madonna di Loreto del XVI sec. e la sezione dedicata a San Giacomo della Marca.

Museo di San Giacomo della Marca: inserito nel circuito dei Musei Sistini del Piceno, ha sede all’interno del Chiostro del Santuario e custodisce oggetti personali del Santo ed opere d’arte datate tra il XVI ed il XIX sec. Vi si trovano il corredo liturgico del Santo composto dalle sue vesti e dal crocifisso, oltre al sigillo col nome di Gesù ed ad un busto ligneo del XVII sec di scuola napoletana. Parte del Museo è dedicata al Vescovo Monsignor Eugenio Massi, nativo di Monteprandone e missionario in Cina di cui si conservano memorie e paramenti sacri.

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio Cultura al numero 0735 710930

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 287 volte, 1 oggi)