SAN BENEDETTO DEL TRONTO -Una giornata piena di lavoro per gli uomini del 118 è stata quella di domenica 28 luglio. Un po’ il caldo, ma anche l’imprudenza di chi mangia e poi va a fare il bagno e se non bastasse, un caso di overdose.

Partiamo proprio da questo: alle 8.30 del mattino  un giovane ascolano è stato salvato in extremis a sud della foce del torrente Albula. Sono stati alcuni amici del ventinovenne a dare l’allarme. I sanitari hanno trovato il giovane in condizioni critiche, perché oltre alla dose di sostanza stupefacente di cui aveva fatto uso, l’ascolano aveva assunto anche alcol. Come vuole il protocollo gli è stato iniettato il  Naloxone che ha impedito l’arresto cardiaco.

Tra Grottammare e San Benedetto i bagnini hanno salvato un bambino di 6 anni che stava per affogare a causa di una congestione. Una volta riportato a riva è stato condotto di urgenza al Pronto Soccorso,  e nel tragitto ha vomitato il cibo che aveva ingerito prima di fare il bagno.

Altro caso è accaduto accaduto invece sabato 27  sulla spiaggia fra San Benedetto e Porto d’Ascoli dove una donna di 91 anni, romana, poco prima di mezzogiorno, col sole a picco, mentre camminava in acqua è stata colta da malore e subito trasportata al Pronto Soccorso.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.231 volte, 1 oggi)