SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il penultimo appuntamento della campagna d’ascolto “La Giunta incontra i quartieri”, voluta dall’amministrazione comunale per discutere direttamente con i cittadini delle principali questioni che riguardano le zone di residenza, si è tenuta lunedì 22 luglio presso la bocciofila di via Sgattoni.

Oltre 120 i residenti dei quartieri Ragnola ed Europa che hanno preso parte all’assemblea serale. Tante anche le sollecitazioni e le richieste alle quali gli amministratori hanno fornito risposte. Una residente in via Mattei ha lamentato l’inagibilità dei marciapiedi sulla via a causa delle radici dei pini che hanno sollevato sia l’asfalto della strada che le mattonelle e i cordoli.

Gaspari ha ricordato gli interventi già realizzati: “Nel 2006 sono stati tagliati 26 pini e nel 2007 tagliate le radici di quelle piante posizionate davanti l’ingresso della scuola materna perché ostruivano il passaggio. Oggi – ha aggiunto Gaspari – abbiamo un progetto pronto che coinvolge le vie Mattei, Rubicone e Foglia e prevede il taglio dei pini con piantumazione di essenze che non creano problemi ad asfalti e marciapiedi. E’ un investimento di circa 200 mila euro che pensiamo di inserire nel piano delle opere pubbliche in approvazione a metà ottobre 2013”.

Un altro cittadino ha chiesto maggiore attenzione alla manutenzione di Contrada Aquilino e del Torrente Ragnola. Gaspari ha risposto che una porzione di via Monte Aquilino (dalla Picenambiente verso ovest) è strada extraurbana e il Comune non può effettuare interventi. Per quanto riguarda il torrente Ragnola, il sindaco ha ricordato che in un recente incontro con l’assessore regionale Paola Giorgi si è parlato della necessità di interventi di messa in sicurezza dell’alveo del torrente Ragnola nel tratto a monte della Statale 16 e della disponibilità della Regione ad attivarsi per reperire circa 70.000 euro destinati allo scopo.

Da più parti è arrivata la richiesta di controlli serrati sul servizio di raccolta differenziata che in tutte e due le zone sta creando non pochi problemi. Un turista da 40 anni in vacanza in città ha chiesto di svolgere opera di maggiore sensibilizzazione verso i turisti ospiti dei residence. Mentre i residenti hanno lamentato la disattenzione di cittadini che conferiscono in orari sbagliati i sacchi dei rifiuti indifferenziati creando sporcizia e in molte vie del quartiere Ragnola.

“Dà fastidio a tutti vedere la noncuranza di alcuni cittadini restii a fare la raccolta differenziata – ha dichiarato il Sindaco – invece la maggior parte dei residenti è sensibile al tema e pone il massimo impegno nel fare bene la differenziata. Grazie a voi la città ha potuto raggiungere l’obiettivo di legge del 65% di rifiuti avviati al riciclo, a voi chiediamo uno sforzo nell’aiutarci a coinvolgere anche quella piccola parte che è ancora restia al cambiamento. Stiamo comunque pensando ad un’ordinanza che preveda i cassonetti di condominio in tutte le palazzine con più di otto appartamenti”.

Altre richieste pervenute hanno riguardato una migliore segnalazione dell’accesso della pista ciclabile di via Zandonai, la sistemazione della viabilità in contrada Monte Cretaccio interessata mesi fa da uno smottamento, il ripristino dell’asfalto in molti tratti della Statale 16, la chiusura di un pozzo artesiano vicino alla scuola di via Monte Vergine.

A proposito della scuola, l’amministrazione ha assicurato che l’edificio di Ragnola resterà aperto e ha anticipato che le soluzioni da mettere in atto per il plesso possono essere due: potenziare l’edificio già esistente coinvolgendo l’area che ha destinazione urbanistica edilizia scolastica adiacente alla scuola oppure creare un nuovo polo scolastico nel complesso di via Mattei dove già ci sono la scuola materna e l’asilo nido. Per tale intervento le risorse andrebbero reperite dalla vendita degli edifici di via Petrarca, Santa Lucia e via Golgi (nel momento in cui la scuola media “Curzi2 sarà trasferita nell’attuale sede del Tribunale).

Alcuni residenti di via Monte Conero hanno chiesto la manutenzione dell’area verde adiacente alla pista ciclabile. Il sindaco ha spiegato che l’area è stata realizzata con i soldi degli oneri di urbanizzazione e li ha invitati a creare un’associazione per gestire lo spazio. La richiesta è stata accolta da un cittadino.

Ultima questione affrontata è stata la cattiva gestione di una colonia felina nel parco di via Tronto. L’assessore Canducci ha spiegato che la colonia è censita e chi si occupa della stessa ha l’obbligo di dar da mangiare ai felini, aspettare che finiscano, pulire l’area e chiudere il cancello educando i gatti ad entrare nel recinto appositamente creato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 221 volte, 1 oggi)