PESCARA – Condanna a 9 anni e 6 mesi in primo grado per l’ex governatore della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco, nel processo “Sanitopoli”, a Pescara, su presunte tangenti nella sanità privata abruzzese, che il 14 luglio 2008 lo ha portato in carcere. Il pm aveva chiesto 12 anni. La sentenza è arrivata dopo circa quattro ore di Camera di Consiglio del Tribunale collegiale di Pescara formato da Carmelo De Santis, Massimo De Cesare, Gianluca Falco. Il dispositivo della sentenza è composto da 7 pagine e in parte rimodula qualche capo di imputazione. Sono 27 gli imputati (25 persone e 2 società) entrati nel processo.

“Per ora non dico nulla. Sulle sentenze prima si riflette poi si parla”. Sono le prime parole a caldo dell’ex governatore dell’Abruzzo, Ottaviano Del Turco, raggiunto al telefono dall’Ansa, dopo la condanna in primo grado dal Tribunale di Pescara, a 9 anni e 6 mesi. “Appello sicuro”, ha detto.

Il tribunale collegiale di Pescara ha condannato anche l’ex parlamentare del Pdl Sabatino Aracu a quattro anni; l’ex manager della Asl di Chieti Luigi Conga a nove anni; gli ex assessori regionali Bernardo Mazzocca e Antonio Boschetti, rispettivamente a due anni e quattro anni; l’ex segretario generale dell’ufficio di presidenza della Regione Lamberto Quarta a sei anni e sei mesi; l’ex capogruppo regionale del Pd Camillo Cesarone a nove anni. Il Tribunale ha invece assolto l’ex assessore regionale alla sanità di centrodestra Vito Domenici, l’ex amministratore delegato della Humangest Gianluca Zelli, l’ex segretario dell’ ex assessore Mazzocca, Angelo Bucciarelli. “Io siccome non ho fatto niente – ha detto Aracu – non accetto neanche la pena di un’ora e né di un euro. “Quindi – ha proseguito – è un’ingiustizia e basta. Vuol dire che c’é chi vede le condanne a modo proprio. Viva Berlusconi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 302 volte, 1 oggi)