SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nota di Itb Italia in merito al ripascimento della spiaggia in corso a San Benedetto del Tronto.

Il Comitato Direttivo dell’Itb Italia(Associazione Imprenditori Turistici Balneari), riunitosi nel pomeriggio del 17 luglio alle ore 16:30, presso lo Chalet Stella Marina, a seguito delle numerose segnalazioni da parte di turisti ed operatori del settore balneare di San Benedetto del Tronto, denuncia la grave situazione che si è venuta a creare in queste ultime ore lungo la spiaggia della città, a seguito delle inopportune attività di rinascimento del litorale.

Ciò ha gravemente compromesso l’andamento di questa stagione turistica, nonché l’immagine turistica della nostra città, anche per gli anni a venire.

Non è possibile che vengano demoliti e vanificati oltre 100 anni di paziente lavoro di noi imprenditori e di tanti cittadini, volto a fare della nostra città un modello di turismo e di successo.

L’Itb Italia, chiede, con forza, alle autorità competenti di provvedere all’immediato ripristino della situazione antecedente al “cosiddetto” ripascimento e, quindi, alla rimozione del materiale sabbioso, così erroneamente depositato sulle nostre spiagge, con le conseguenze dannose che sono sotto gli occhi di tutti.

Il risultato di tale azione, infatti, è stato lo sviluppo di un processo di desertificazione delle nostre spiagge con gravi danni all’economia turistico balneare e a tutto l’indotto commerciale: si spera, con la rimozione, di salvare la parte restante della stagione balneare.

Inoltre si chiede che vengano giornalmente rimossi dalla battigia tutti i detriti, provenienti da tale operazione, che vi si accumulano, e che dopo appena due giorni di lavori risultano già in quantità industriale.

Si chiede inoltre che la zona di scarico in mare venga delimitata da barriere anti-inquinamento.

In conseguenza di ciò, l’Itb Italia chiede anche che venga considerato, questo ripascimento alla stregua di una calamità naturale con relativo indennizzo agli operatori turistici dei danni conseguenti in termini di calo delle presenze, dei minori giorni di permanenza e caduta dell’immagine turistica a livello nazionale e internazionale.

Ed in occasione dei prossimi interventi di risanamento, chiediamo che ciò avvenga, in maniera urgente e competente, anche e soprattutto sulle scogliere esistenti, senza deturpare ancora di più la nostra bella Riviera.

Fiduciosi che il nostro appello venga accolto, e sicuri che si attueranno accurati accertamenti sulle responsabilità di questo disastro ambientale, l’Itb Italia vigilerà per l’attenzione ottenuta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.878 volte, 1 oggi)