SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Abusivismo in spiaggia, allarme no-stop. Non bastano i controlli congiunti varati da Polizia Municipale, Capitaneria di Porto, Guardia di Finanza, Carabinieri e Polizia di Stato per attenuare un fenomeno sempre più invadente.

I vu cumprà continuano ad aggirarsi tra gli ombrelloni, o addirittura depositano la loro mercanzia sulla sabbia, a volte coperti da veri e propri gazebo. “La responsabilità è anche degli avventori – sbotta l’assessore alle Attività Produttive, Fabio Urbinati – spesso arrivano persino a mettere in difficoltà le forze dell’ordine, schierandosi in difesa degli abusivi”.

Alle due operazioni programmate nelle settimane scorse, ne seguiranno altre da qui a fine luglio. Pure di domenica, giorno in cui il problema si acuisce. “Interesseranno tutto il territorio – informa il vicecomandante dei Vigili Urbani, Giuseppe Coccia – si comincerà come sempre dalle stazioni di Porto d’Ascoli e San Benedetto con l’intento della dissuasione, dopodichè ci si concentrerà sulle spiagge”.

L’obiettivo è annullare l’emergenza a monte. Mantenendo però alta l’attenzione e la sicurezza. “Vogliamo evitare che capiti quello che è accaduto ad Alba Adriatica, dove due marocchini hanno fatto irruzione al comando della Polizia Municipale con in mano due taniche di benzina, per farsi restituire la merce sequestrata”, prosegue Coccia. “Dobbiamo gestire le situazioni, la presenza deve essere compatta e massiccia. Non molliamo le puntate singole, ma l’autotutela va messa al primo posto”.

Per l’amministrazione comunale la situazione è nettamente più sopportabile rispetto a due anni fa. “Non c’è paragone – interviene nuovamente Urbinati – ad esempio, sono quasi totalmente scomparsi i vu cumprà serali sul lungomare. La quantità talmente alta che è difficile tenere sotto controllo tutto, tuttavia noi facciamo il massimo. San Benedetto è forse la realtà della regione meno interessata”.

Massima solidarietà comunque per i commercianti regolari: “Fanno bene a lamentarsi, non esitino a chiamare la Polizia. I negozianti ci aiutino. Appena intravedono un abusivo, lo segnalino”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.648 volte, 1 oggi)