SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Ministro del Turismo russo a San Benedetto. Dimitry Amunts sbarcherà in Riviera il 18 luglio per quarantotto ore di incontri istituzionali e faccia a faccia con gli operatori di categoria. All’appuntamento presenzierà quasi certamente anche il presidente della Regione, Gian Mario Spacca.

“E’ il consolidamento di un rapporto avviato con la task-force svoltasi lo scorso ottobre e proseguita con la partecipazione alla fiera di Russia”, afferma il sindaco Giovanni Gaspari. “I confronti saranno propedeutici all’apertura dell’anno turistico italiano a Mosca del prossimo autunno”.

Inoltre, è stato firmato un protocollo con altri operatori, stavolta della Germania: l’accordo comporterà l’arrivo di turisti tedeschi attorno ad ottobre. Un’occasione importante, a cui la città dovrà arrivare preparata: “Voglio vedere se gli alberghi saranno capaci di ospitarli. Se li troveremo chiusi saremo costretti a rivolgerci ad hotel dei paesi vicini, spero di no”.

Nel frattempo, l’estate regala soddisfazioni: “Non ci sono camere libere, gli albergatori – ironizza ancora Gaspari – sono arrabbiati perché dovranno pagare di più di tassa di soggiorno”. L’ottimismo si proietta pure in spiaggia, visto che a breve dovrebbero prendere il via gli attesi lavori di ripascimento nel tratto nord del litorale. “In Consiglio Comunale ho spiegato che questa Italia ha un’organizzazione borbonica – ha precisato il primo cittadino – non intendo dire che la salute non vada tutelata, anzi. Voglio ricordare che io sono la massima autorità sanitaria. Tuttavia credo ci debba essere un rapporto di leale collaborazione nelle pubbliche amministrazioni. Se una persona mi chiede dieci esami, me li deve chiedere tutti assieme, non uno alla volta sino allo stillicidio. Questa è la ragione della mia irritazione”.

Il fax dell’Arpam è giunto in Municipio giovedì sera. Immediatamente, sono state spedite le procedure per affidare l’incarico alla ditta prescelta. L’intervento, finanziato dalla Regione per un importo pari a 60 mila euro, comporterà il deposito di circa 5 mila metri cubi di sabbia. Ad essere interessati  gli chalet “Bacio dell’Onda” e “Da Luigi”, oltre alla zona di rimessaggio delle barche del Circolo Nautico. “Le risorse sono state sbloccate a inizio giugno e verranno applicate un mese dopo. Ritengo che il tutto rientri nei tempi fisiologici”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.736 volte, 1 oggi)