MARTINSICURO – Appuntamento con l’arte e la cultura dal 23 al 27 luglio a Martinsicuro, con la quarta edizione del Martinbook Festival. La manifestazione, organizzata dal Comune di Martinsicuro in collaborazione con l’associazione culturale Martinbook e la Di Felice Edizioni, rappresenta uno degli eventi di punta dell’estate truentina, e si inserisce tra gli eventi culturali più significativi dell’Abruzzo accogliendo, nei suoi salotti sotto le stelle, ospiti provenienti da tutta Italia e dall’estero, per cinque sere all’insegna di musica, arte, incontri con gli autori, letteratura, giornalismo, attualità.

La manifestazione è stata presentata in sala consiliare dal sindaco Paolo Camaioni, dal consigliere delegato alla cultura Boris Giorgetti, dal presidente dell’associazione Martinbook Matteo Bianchini e dalla titolare della Di Felice Edizioni, Valeria Di Felice.

“Il Festival – ha affermato il primo cittadino – il cui progetto è stato voluto dalla precedente amministrazione e che sta proseguendo con l’attuale nel solco della continuità, si caratterizza ormai come un evento radicato e consolidato sul territorio”.

“Il programma di quest’anno risulta più snello – ha aggiunto il consigliere Giorgetti – sono state tagliate due serate rispetto alla scorsa edizione, ma questo ha permesso di puntare su una maggiore qualità. Tra le novità introdotte ci sarà una serata a Villa Rosa, per venire incontro alle tante richieste che ci sono pervenute. Segno della partecipazione e del coinvolgimento che l’intero territorio mostra per questa manifestazione”.

Alle location tradizionali del Martinbook infatti (la Torre Carlo V e la Rotonda Las Palmas del lungomare) si aggiunge quest’anno anche la Pinetina di via Filzi a Villa Rosa. Il Festival, giunto alla quarta edizione, abbraccia quindi l’intera città truentina e cresce in termini di qualità e di partecipazione all’evento.

Il ricco programma del Festival è stato poi illustrato dal presidente dell’associazione Martinbook.

La presentazione della manifestazione è affidata alla giornalista Elisabetta Gnani (Riviera Oggi), e ogni sera sarà caratterizzata da una performance artistica che introduce alla presentazione di un libro. Finalità del Festival è abbinare la promozione dei talenti locali alla partecipazione di autori affermati sul panorama nazionale.

Le peculiarità del territorio saranno illustrate con il progetto MarcuzzoFrom, l’Arte nelle sue molteplici espressioni sarà presente con il progetto Tapzy del regista Luigi Maria Perotti, con il rock dei Drunken Butterfly, con l’intensità espressiva delle marionette di Remo Di Filippo, con la danza indiana di Alessandra Pizza, con il jazz dei Giacinto Cistola Trio, con le performance pittorico musicali dei Colori distorti.

In occasione del cinquantennale della fondazione del Comune di Martinsicuro (1963-2013), anche il Martinbook Festival dedica un omaggio alla ricorrenza, con una clip del regista Mauro John Capece appositamente realizzata per l’evento.

Non mancherà inoltre lo spazio per l’intrattenimento dei bambini, quest’anno affidato alla Scuola di Fumetto Adriatica di Rossano Piccioni, con i più piccoli che potranno partecipare a laboratori di fumetto.

Quattro gli ospiti di assoluto rilievo che interverranno al festival per la presentazione delle loro ultime pubblicazioni: Donatella Di Pietrantonio (“Mia madre è un fiume”), Marco Cobianchi (“Mani Bucate”), Teresa Valiani e Raffaella Viccei (“Lupo, la vera storia del bandito Valerio Viccei”), Oliviero Beha (“Il culo e lo stivale”), Giampiero Mughini (“Addio gran secolo dei nostri vent’anni”). Gli autori saranno presentati dai giornalisti Laura Ripani (Corriere Adriatico), Alex De Palo (Il Centro), Luca Zarroli (Cityrumors.it), Antonio D’Amore (Certastampa.it) e dall’attore e regista teatrale Mauro Pierfederici.

Il Festival si concluderà, come da tradizione, con la quinta edizione del Premio Letterario Internazionale Città di Martinsicuro, illustrato da Valeria Di Felice: “L’iniziativa ha raggiunto numeri record in termini di partecipazione, con 263 autori in concorso e 426 opere da valutare, tra poesie, romanzi, racconti e testi teatrali. Opere provenienti non solo da tutta Italia, ma anche dall’estero”.

Alle tre sezioni (poesia, narrativa, teatro) si è aggiunta quest’anno anche la sezione di racconti in lingua straniera: “Le adesioni sono state numerose, con autori che ci hanno inviato testi dall’Equador, dagli Stati Uniti, dalla Germania, dal Belgio e dall’Australia”.

Si sta concludendo in questi giorni il lavoro di valutazione delle opere da parte della giuria presieduta da Valeria Di Felice (editrice e Segretario del Premio), e composta da: Simone Gambacorta (critico letterario), Fulvia Marconi (poetessa e critico letterario), Ivana Tamoni (poetessa e traduttrice), Alessandra Liberati (traduttrice), Federica Gusmeroli (traduttrice), Marcella De Meglio (traduttrice), Patrizia Di Donato (scrittrice e direttrice artistica Festival della Letteratura di Giulianova), Laura Gimminiani (consulente editoriale), Rosa Alba Sarcina (professoressa), Anna Maria Vitale (professoressa), Edoardo Ripani (attore), Pasquale Cucco (scrittore).

“Premio Letterario e Martinbook Festival – ha concluso la Di Felice – valorizzano il territorio e sono un’occasione per il turismo culturale. Il premio si propone di promuovere i talenti emergenti, con la pubblicazione e promozione dell’opera vincitrice”.

Il Martinbook Festival ha il patrocinio della Provincia di Teramo, della Regione Abruzzo e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

(in allegato la cartella stampa)

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 629 volte, 1 oggi)