Samb. E improvvisamente spuntò un nome nuovo. Il presidente della Samb sarà probabilmente un personaggio importante nel campo delle Assicurazioni.  Fa parte dello stesso gruppo romano di cui si è parlato nei giorni scorsi e prenderebbe il posto di Manolo Bucci che pare si sia tirato indietro. Anche perché il potenziale nuovo acquirente (il suo nome dovrebbe essere Luca Milone) pare intenzionato a non condividere la Samb con altri soci.

Ma potrebbe anche non essere così se si presentasse un altro imprenditore credibile, economicamente forte e in grado di dargli una mano per far tornare la Samb in quella serie B che manca da oltre 20 anni a San Benedetto, dal 1989. Possibilità che in effetti ci sarebbe perché, dopo la richiesta di aiuto da parte di Bucci,  un imprenditore di un’azienda molto in vista si era fatto avanti per contribuire al progetto Samb, dopo essersi accertato della paternità del gruppo romano, lo stesso di sempre cioè.  Anche in minoranza.

Insomma le prospettive per i colori rossoblu cominciano a delinearsi positivamente. Con uno o due imprenditori di grande sostanza, il futuro potrebbe tingersi di rosa. Stavolta i nomi in ballo sono veramente credibili e sperare si può. Appena si parleranno ne sapremo di più.

Domani pomeriggio o al massimo dopodomani saremo in grado, se l’affare andrà in porto, di indicare con certezza il nome o i nomi dei nuovi proprietari della società di Viale dello Sport.

Questo è il succo di quanto è successo oggi a Roma in una riunione fiume che è durata fino alle 20 circa tra Pignotti, Bartolomei e l’assicuratore potenziale acquirente, in presenza del sindaco Giovanni Gaspari. I proprietari della Samb si sono riservati 24-48 ore di tempo. Difficilmente stavolta potranno tirarsi indietro. Insomma l’ora della trasparenza sta per arrivare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 7.870 volte, 1 oggi)