SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tra i vari punti dibattuti nel Consiglio Comunale del 27 giugno si segnala l’interrogazione di Riego Gambini in merito agli orari e modalità di funzionamento dell’impianto di cremazione del cimitero. L’assessore di riferimento, Eldo Fanini, ha risposto che “è possibile che si sia verificato in alcuni casi a causa di una serie di contrattempi nelle procedure, ma comunque il Comune ha già chiesto un ampliamento dell’orario”. Quanto alle emissioni, sono sottoposte alle valutazioni Arpam. Fanini ha ricordato che nel 2012 le attività dell’impianto di cremazione hanno assicurato un utile di 250mila euro alle casse comunali.

Sulla ratifica delle due variazioni di bilancio approvate nelle scorse settimane dalla giunta, una delle quali per finanziare con i proventi degli oneri di urbanizzazione (e non più con le alienazioni) la messa in sicurezza di diverse scuole, e sulla comunicazione dello storno dal fondo di riserva per l’adeguamento tecnico della palestra “D’Angelo” della zona Agraria per renderla idonea all’attività di ballo, Vignoli ha chiesto conto dello stato di avanzamento delle procedure di alienazioni con cui, con la variazione approvata, si dovrebbe ora finanziare il bilancio partecipato mentre Gambini ha invece denunciato le pessime condizioni in cui versa la scuola “Marchegiani”. I punti sono stati approvati a maggioranza.

Varato inoltre il nuovo regolamento di contabilità: il documento è stato emendato con la proposta del consigliere Morganti di estendere da quattro a cinque le rate semestrali con cui è possibile pagare i contributi concessori per attività edilizia.

Ancora, sugli indirizzi per l’affidamento a terzi del centro sportivo “Sabatino D’Angelo”, con la previsione dell’installazione di impianti di energia fotovoltaica e contestuale riduzione del contributo al soggetto aggiudicatario, sempre Vignoli ha affermato: “Forse sarebbe meglio spendere i 10 mila euro previsti per adeguare l’impianto al ballo per rimediare alle tante carenze denunciate dai genitori dei bambini che frequentano l’impianto”. Ha poi ribadito che sarebbe più opportuno, per la sua specificità, mettere a bando la gestione della tensostruttura separatamente dal resto degli impianti del complesso “D’Angelo”. Scarsa chiarezza sui valori dei costi energetici della struttura che giustificherebbero la necessità di modificare gli indirizzi per la gestione è stata denunciata da Gambini che ha dichiarato l’astensione così come l’opposizione del centrodestra.

Voto favorevole anche all’integrazione del programma annuale degli incarichi professionali dell’Ambito Territoriale Sociale 21 per l’anno 2013 per l’assunzione di un assistente sociale che curi da luglio a dicembre 2013 le attività del progetto “Home Care Premium”, un modello innovativo di assistenza domiciliare per persone non autosufficienti finanziato dall’Inps per gli utenti ex Inpdap e loro familiari. Il costo dell’incarico è compreso nel finanziamento Inps.

Dichiarata infine inammissibile la mozione di Gambini che voleva impegnare l’amministrazione comunale a chiedere chiarimenti al Ministero competente sulle modalità applicative del decreto legislativo n. 33/2013 in materia di obblighi di pubblicità dei beni posseduti dagli amministratori. Gambini chiedeva in particolare se nella dichiarazione obbligatoria sul possesso di beni immobili e mobili registrati che ogni amministratore deve presentare, debbano comprendersi anche i beni posseduti all’estero. L’assessore Spadoni ha dichiarato la mozione non accoglibile in quanto, ha detto, è dovere di ogni amministratore dare conto di tutti i possedimenti, indipendentemente da dove essi si trovino.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 473 volte, 1 oggi)