Ricevo da Mario Leli:

Gentile direttore, sono un tifoso della Samb come lei e ancora ricordo come è stato trattato in una conferenza stampa l’anno scorso mentre lei chiedeva la situazione economica della Samb, oggi dopo un anno vedo che riporta tutto quello che lei sospettava e gli faccio i complimenti. Quei due si sono dimostrati  incapaci e bugiardi (omissis…) in questi giorni ho parlato con molti giocatori della Samb e le posso garantire che ad oggi nessuno li ha ancora chiamati dopo più di cinquanta giorni per fargli sapere qualcosa sugli stipendi. Le chiedo… si puo’ fare una conferenza stampa pubblica dove i giocatori possano dire tutta la loro verità riguardo i stipendi nn pagati, le cavolate che hanno dovuto dire nel corso del campionato (omissis….)? Grazie in anticipo e auguri per il suo giornale.

Il direttore risponde:  invito i lettori ad andarsi a rileggere i commenti dell’articolo in cui denunciai la mia cacciata dalla sala stampa per i motivi anche da lei espressi. Credo che una presa di coscienza (la sua c’è stata e la ringrazio di nuovo) da parte di alcuni, sia necessaria. Giusto per non ripetere in futuro gli stessi errori. La ringrazio per i complimenti e le assicuro che continueremo con il nostro sano lavoro.

Per quel che riguarda la società, insieme al solito annuncio (“tutto a posto”), speriamo che sia la volta buona ma una dichiarazione di Bartolomei mi intriga: “Domani andiamo dal notaio per trasformare la Samb da Associazione Dilettantistica a Srl, lì ricapitalizzeremo con il versamento di nuovi soci. Dopodiché andremo a vendere al gruppo romano, se è ancora disponibile“. Ho evidenziato nuovi soci perché la dichiarazione del vice presidente lascerebbe pensare l’ingresso di nuove persone nella Samb per poi dare il tutto ad altri. Mi sembra quantomeno una stranezza. Per quel che riguarda i giocatori leggo: “trovato l’accordo” ma anche che verranno pagati dopo aver venduto la società. Se sarà venduta. Un’altra stranezza.

Stranezza per stranezza qualche tempo fa i dirigenti  rossoblu dissero che la fidejussione era pronta. Dico quindi ma forse sbaglio, perché sull’argomento non sono tecnicamente molto preparato: se una banca ha consesso loro la fidejussione significa che hanno garantito una somma intorno ai 400 mila euro. Significa anche che teoricamente dispongono della somma. Ma allora perché con quei soldi non sono stati pagati calciatori, dipendenti e fornitori (bollette dell’acqua tagliata compresa)? Avrebbero avuto le liberatorie. La fidejussione infatti aspetta a chi detiene la Samb e non a chi vuole venderla. Posso aver fatto valutazioni sbagliate per cui, se così fosse, prego i lettori di correggermi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.149 volte, 1 oggi)