SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Fare luce sull’operato su quella centralina”. Lo chiede Riego Gambini in un esposto inoltrato al Ministero dell’Ambiente, alla Procura di Ascoli Piceno, al sindaco di San Benedetto e ai presidenti di Regione e Arpam. “I rilevamenti riguardanti l’inquinamento atmosferico cittadino sono fermi al 31 gennaio scorso – denuncia – dato che l’impianto non viene sottoposto ai necessari interventi di manutenzione”.

Per tutto il 2012, la struttura stazionò in Piazza Kolbe. Rilevò 38 giorni di sforamento dei limiti consentiti dalla legge, pur non essendo stata operativa per 127 giorni (dal 16 luglio al 31 ottobre e dal 1° dicembre al 12 dello stesso mese). Successivamente è avvenuto lo spostamento in Via Asiago, dove tuttora è installata, senza che però possa svolgere il suo regolare compito.

“Le operazioni di manutenzione delle centraline di rilevamento – scrive il consigliere comunale dei Cinque Stelle nella missiva – sono indispensabili per garantire il corretto funzionamento degli analizzatori e per l’affidabilità dei dati”. Inoltre, “il precedente contratto di manutenzione stipulato dalla Provincia di Ascoli Piceno con una ditta specializzata, scaduto a dicembre 2012, non è stato attivato da parte della Regione Marche”.

Gambini chiede quindi alle autorità di indirizzo “di accertare e dare informazione al sottoscritto, sulla base della vigente normativa in tema di accesso alle informazioni di carattere ambientale, se i fatti sopra riportati, in merito alla sospensione del monitoraggio della qualità dell’aria nel comune di San Benedetto del Tronto, corrispondano al vero. Nel caso di riscontro positivo alle notizie sopra riportare, di ripristinare in tempi celeri i servizi di rilevamento di cui sopra, per tutelare preventivamente la salute dei cittadini e dell’ambiente; di assumere i provvedimenti del caso per sanzionare gli eventuali comportamenti contrari alla normativa vigente da parte degli enti preposti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 477 volte, 1 oggi)