Cessione Samb. Il concetto che sto per esprimere è stato già scritto dal lettore Patrizio Del Zompo con un commento e cioè (questo lo aggiungo io) che gli sportivi e tifosi della Samb sono almeno 3000, quelli cioè che potenzialmente potrebbero abbonarsi al prossimo campionato. Per comunicare con loro serve o una conferenza stampa ufficiale oppure (meglio ancora) un incontro nella grande piazza San Giovanni Battista.

Non vedo chi può, su questo, non essere d’accordo ma il problema è un altro e non riguarda Di Cosola ma chi stamattina ha riferito che il potenziale acquirente della Samb ha avuto una specie di benestare da parte della tifoseria seppur con parole chiare e cioè “non siamo con nessuno ma solo con chi fa il bene della Samb, quindi prima vogliamo vedere i fatti”. Da non trascurare però che “dopo” potrebbe essere troppo tardi e tutto più difficile. Ma per questo le responsabilità maggiori se le assumono Pignotti e principalmente Bartolomei a quanto pare.

Sul vice presidente non ho ben capito perché si toglie tutte le quote ma rimane a dirigere il settore giovanile con un’altra società. Cosa mai vista in squadre di calcio, almeno da me. Lui non doveva essere il garante e il controllore di chiunque prende in mano la Samb? Di cosa ha paura? Stavo per scrivere… di cos(ol)a ha paura?

Signori miei la comunicazione è una cosa seria. Si sta nuovamente giocando sulla pelle della Samb come accadde venti anni fa con Venturato? Per quale motivo gli stessi organi di informazione hanno completamente oscurato il nome di Filippo Colonna, nonostante lo stesso Bassotti abbia telefonato almeno due volte al suo inviato a San Benedetto? Di cosa ha paura? Del fatto che a presentare l’emissario di Colonna a sindaco e Pignotti per iniziare una trattativa sia stato il sottoscritto? Se l’ho fatto è perché mi è stato chiesto e perché dalle mie ricerche risulta un imprenditore serio e che è titolare di un’impresa  economicamente forte. Tutto qui.

Perché lo stesso Bartolomei, che ha ascoltato le dichiarazioni sull’imprenditore monzese rilasciate dal sindaco (ottime referenze omesse da Bassotti il giorno dopo sul Corriere Adriatico) non si è interessato del nuovo potenziale acquirente? Bastava chiedere chi è Colonna, chi è Paolo Sergio Bonacina per mettersi subito in macchina e andarli a trovare. Il suo compito è quello di lasciare la Samb in buone mani e non venga a dire poi che Di Cosola era l’unica alternativa perché non è così. Perché Bartolomei non ha mai mostrato interesse per le richieste di emissari romani che probabilmente fanno capo a persone di calcio molto in vista?

Signori miei io ho paura per la mia Samb anche per tutto quello che ho letto nell’ultimo mese sulle pagine locali di giornali regionali e nazionali. L’unica speranza che ho è quella che anche io come tutti posso sbagliarmi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.909 volte, 1 oggi)