SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In questo momento si sta tenendo una riunione molto importante tra alcuni emissari romani, il presidente Pignotti, un senatore del Pdl, un commercialista e il sindaco Gaspari, anche se la sua presenza non è certa. Il referente principale è Bucci che da qualche tempo, sollecitato da Sergio Spina (la Samb non si scorda mai), si sta interessando alla società rossoblu. Ma la novità è un’altra ed ha matrici torinesi.

Fra i tanti nomi che negli ultimi giorni giravano intorno alla Samb, non è mai trapelato quello di Filippo Colonna, un imprenditore di successo tanto da essere definito il “re italiano dei parcheggi”. È l’azienda che gestisce tanti parcheggi in punti nevralgici di città italiane. Non è un grande appassionato di calcio ma ha alcuni suoi collaboratori di fiducia che vogliono indirizzarlo verso quel pianeta calcio che, con tutti i suoi difetti, ha un fascino al quale è difficile resistere, specialmente partendo da lontano (Seconda Divisione) e in una città che vive di calcio come poche altre. Oltre ad avere 21 campionati cadetti alle spalle, ha una fame incredibile quasi una crisi di astinenza.

Tra i suoi consulenti di fiducia più fedeli c’è un giovane rampante come Paolo Sergio Bonacina, torinese doc e nome di spicco dell’intermediazione finanziaria piemontese, che gli ha consigliato la Samb, spinto anche da Marco Ferrante, il centravanti dei granata che diventò famoso quando in un Torino-Juventus mimò un toro dopo un gol. Ha chiuso la carriera in Ascoli e quindi ha potuto apprezzare da vicino la passione verso il calcio della nostra città.

Insomma Bonacina e Ferrante sono coloro che stanno consigliando Colonna ad entrare in un mondo comunque fantastico. Hanno impiegato un po’ di tempo per convincerlo perché le prime due esperienze con Bra (una realtà troppo piccola) e con Monza, una nobile decaduta come la Samb, non erano state per lui molto positive.

Alla domanda che nessuno fa niente per niente e che Filippo Colonna non è tifoso della Samb, è facile rispondere che è vero. Magari però vede nella nostra città la possibilità di unire l’utile al dilettevole. Un buon segnale se parte dal dilettevole.

Un suo emissario ha già avuto  contatti con il sindaco Gaspari e con il presidente Pignotti. Domani o domenica Colonna e il suo staff dovrebbero raggiungere San Benedetto per verificare alcune cose e quindi prendere una decisione. L’operazione è, secondo me, fattibile se non salteranno sorprese o complicazioni.

Sempre se Pignotti e Bartolomei domani saranno ancora in possesso delle quote Samb.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.300 volte, 1 oggi)