CHIETI – Una busta con della polvere bianca e un proiettile calibro 9×21 è stata recapitata mercoledì mattina negli uffici della Asl Lanciano Vasto Chieti di Chieti, in via Martiri Lancianesi. Nella busta, insieme alla polvere e al proiettile, una lettera firmata da un sedicente movimento popolare, la cui sigla secondo gli inquirenti non è mai apparsa in precedenza, che conteneva minacce nei confronti del presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, e del direttore generale della Asl 2, Francesco Zavattaro.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Chieti e gli artificieri del Comando Provinciale dei Carabinieri di Chieti che hanno attuato la profilassi N.B.C.R. Il materiale rinvenuto è stato repertato dal personale del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Chieti mentre i cinque dipendenti dell ufficio protocollo venuti a contatto con la busta sono stati accompagnati dal personale del 118 nel Reparto malattie infettive dell’ospedale di Chieti per gli accertamenti del caso. I dipendenti sono stati tutti dimessi senza prognosi. Le indagini sono in corso anche per stabilire l’eventuale collegamento della sigla, mai apparsa in precedenza, con organizzazioni eversive.

Preoccupazione per quanto accaduto è stata manifestata dal presidente della Conferenza delle Regioni . In comunicato diffuso nel pomeriggio, Errani dice che “Si tratta di atti che non vanno sottovalutati, su cui mi auguro possa essere fatta ben presto luce da parte degli organi di polizia. Ho telefonato al presidente Chiodi per manifestargli, anche a nome delle Regioni, solidarietà e vicinanza e la più ferma condanna di ogni tentativo intimidatorio”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 348 volte, 1 oggi)