CUPRA MARITTIMA – Anche per il 2013 Cupra Marittima ha conquistato la Bandiera Blu, vessillo sempre più importante poiché sinonimo di un turismo e una balneazione di qualità.

Durante la serata di sabato 15 giugno si è svolta “Marche in blu”, ovvero la consegna virtuale e in contemporanea da parte del governatore Gian Mario Spacca a tutti e 18 i paesi marchigiani insigniti del riconoscimento Fee. Tra questi anche Cupra Marittima che a partire dalle ore 21.30 in concomitanza con la sagra “Bomboletti, cozze e …” è stata raggiunta in collegamento in diretta con Senigallia, paese capofila per quanto riguarda le Bandiere Blu nelle Marche.

Dopo aver ricevuto dunque idealmente la Bandiera da Spacca, il sindaco Domenico D’Annibali, l’assessore al turismo Marco Malaigia, insieme al presidente della Pro Loco Pino Neroni, hanno consegnato a loro volta realmente la Bandiera agli operatori turistici cuprensi, in questo caso circa 30 tra stabilimenti balneari e camping.

Ha prima spiegato Malaigia: “Abbiamo scelto di come luogo della manifestazione Marano perché da quassù è possibile ammirare, grazie ad un bel panorama, tutta la nostra spiaggia”.

Ha proseguito il sindaco: “Vorrei ricordare che per ottenere la Bandiera Blu è necessario un grande impegno da parte di tutti, sia degli operatori turistico balneari che lavorano per offrire i servizi migliori ai nostri visitatori, sia dei cittadini che effettuano correttamente la raccolta differenziata e tengono pulito il paese, sia della Capitaneria di Porto che vigila sulla sicurezza dei bagnanti, insomma non ci si riduce ad analizzare la qualità del mare, delle acque e dell’ambiente solo per i classici tre mesi estivi ma durante tutto l’anno. Cupra può dirsi orgogliosa di aver ottenuto questo prestigioso vessillo dal 1997 ad oggi ininterrottamente, solo per un anno non è stata ottenuta a causa di un cavillo burocratico. La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, la Fee infatti agisce su ben 62 paesi in tutto il mondo, ed è indispensabile oggi potersene fregiare dato che i turisti, italiani e stranieri, prima di scegliere una località per le proprie vacanze, sono molto attenti a queste certificazioni. Naturalmente è fondamentale la collaborazione da parte di tutte le forze in campo e l’unione territoriale non può mancare, essere qui oggi e sapere che tutta la costa è collegata simultaneamente ci fa ben sperare per il futuro”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 233 volte, 1 oggi)