SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Lo scorso 12 giugno la Samb diramava questo comunicato.

La dirigenza della U.S. Sambenedettese comunica che nel pomeriggio odierno si sono incontrati il presidente Pignotti ed il vice presidente Bartolomei per trattare con l’imprenditore Pasquale Di Cosola la cessione delle quote societarie. Si è parlato di tutte le problematiche inerenti la Sambenedettese. Entrambe le parti hanno fatto la loro proposta e si sono date 48 ore di tempo per prendere una decisione definitiva. Il presidente Pignotti vuole inoltre smentire categoricamente eventuali contatti con Claudio Lotito ed altri fantomatici acquirenti così come ha smentito anche il sindaco Gaspari.

La tifoseria però sembra reagire con molto scetticismo a quanto sta avvenendo. E per vari motivi. Ad esempio, nel sito ufficiale della Samb, la notizia è commentata con un articolo di Repubblica sul Di Cosola, nel 2009, in cui il potenziale acquirente della Samb viene descritto in una situazione non proprio idilliaca: “Arrestato dai militari della guardia di finanza con le accuse di bancarotta fraudolenta, falso e truffa”.

Qui il resto dell’articolo.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.748 volte, 1 oggi)