COLONNELLA – Una centralina per il monitoraggio dell’aria sarà installata nelle prossime settimane in contrada Vallecupa di Colonnella. L’iniziativa dell’amministrazione comunale arriva in contemporanea all’avvio di una nuova attività industriale che produrrà compost dalla lavorazione di rifiuti non pericolosi, nello specifico fanghi di depuratori urbani e di lavorazione delle industrie alimentari (qui i dettagli del progetto).

L’azienda, la Stam srl, dopo l’iscrizione al Rip (Registro Iscrizione Provinciale) il 12 maggio 2011, non ha avviato subito l’attività a causa di una serie di documenti integrativi da presentare alla Provincia: un iter complesso che ha procrastinato l’inizio della produzione di oltre due anni.

L’ultimo passaggio burocratico si è concluso a fine maggio, con la revoca del provvedimento di sospensione emanato lo scorso 21 marzo, e che di fatto dà il via libera alla produzione di compost nel sito di Vallecupa, dove verranno lavorati fanghi industriali di natura organica.

L’insediamento dell’azienda desta però preoccupazione per il rischio di fuoriuscite di cattivi odori e miasmi dagli stabilimenti di lavorazione, con eventuale inquinamento dell’aria.

L’Arta ha predisposto l’installazione all’esterno dell’azienda di 4 sensori di monitoraggio dei componenti gassosi, al fine di controllare 24 ore su 24 eventuali cambiamenti dei valori rispetto alle soglie stabilite per legge.

L’amministrazione Pollastrelli ha deciso inoltre di avviare una convenzione con l’Arta per l’installazione di una centralina mobile in contrada Vallecupa, che misurerà per un mese i parametri dell’aria (2.500 euro il costo dell’operazione). I dati acquisiti forniranno una panoramica dell’inquinamento nella zona industriale e nel centro abitato prima dell’insediamento della nuova azienda, e costituiranno un metro di confronto di eventuali future modifiche dei valori.

Nel prossimo Consiglio comunale inoltre si porterà all’approvazione una delibera con cui il Comune si riserva la possibilità di intervenire sospendendo l’attività delle aziende che dovessero risultare inquinanti oltre le soglie definite per legge.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 188 volte, 1 oggi)