SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Roba da Don Camillo e Peppone. Scoppia la polemica attorno al terreno dell’Asilo Merlini donato alla Parrocchia della Santissima Annunziata di Porto d’Ascoli. Un appezzamento, situato di fronte la Scuola Alfortville, che la partecipata del Comune intende riprendersi in parte, lasciando alla Chiesa solo una piccola sezione.

Alla base di tutto vi sarebbe un malinteso al momento della firma dell’accordo. “L’errore è a monte – informa il presidente del Merlini, Giancarlo Vesperini –  la precedente amministrazione dell’associazione provvide a regalare un’area alla Parrocchia, su cui doveva essere realizzata una tensostruttura polifunzionale. Sul verbale però fu riportata l’intera particella. La superficie non può essere quella, non possiamo permetterci una donazione così estesa, la nostra Fondazione la considera una risorsa”.

La zona è stata ceduta in comodato d’uso per 99 anni. L’altro fraintendimento riguarderebbe la destinazione, visto che don Gianni Croci avrebbe desiderato costruirci una casa d’accoglienza. “Noi siamo stati corretti – prosegue Vesperini – anche il vecchio presidente è rimasto meravigliato. Senza dimenticare che non potrebbe edificare nulla su un terreno non suo”.

Vesperini si dice dispiaciuto. Nelle passate settimane, con la mediazione del consigliere comunale  Gianluca Pasqualini, avrebbe cercato ripetutamente un contatto col parroco, senza però ottenere risposta.

L’amarezza di don Croci si è pertanto manifestata durante la posa della prima pietra del nuovo campo da Rugby all’Agraria, alla presenza del sindaco Giovanni Gaspari. Malessere infine esploso nell’omelia di domenica, con la minaccia di abbandonare la Comunità.

Nello screzio tra Croci e il primo cittadino rientrerebbe secondo alcuni la tormentata vicenda di Marco Curzi, legato da una storica amicizia col prete. La rivisitazione della convenzione infatti giunge a pochissimi giorni dalla rimozione dell’ex assessore allo Sport e alle Politiche Giovanili. Un tempismo affatto gradito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.060 volte, 1 oggi)