RIPATRANSONE – A Ripatransone, negli anni 50/60 del XX secolo per far fronte alle richieste di trasfusione di sangue che provenivano dal locale ospedale civile “San Giovanni”, alcuni cittadini ripani, stimolati dal giovane professor Giovanni Capocasa e guidati dalla sezione provinciale, decisero di costituire in Città una sezione Avis (Associazione Volontari Italiani del Sangue).

Era il 14 Giugno 1963 quando nei locali dell’allora circolo cittadino ci fu la cerimonia di fondazione.
Nel primo consiglio direttivo (provvisorio) risultarono eletti: Capocasa, Adriano Orsatti Piergallini, Walter Michelangeli, Giuseppe Incicco, Elio Berdozzi, Fausto Capriotti, Canzio Bertolotti, Raffaele Vagnoni, Gabriele Cardarelli.

Dopo la fondazione, nel mese di Giugno di ogni decennio, la sezione Avis ha ricordato l’evento con significative iniziative; particolarmente numerose sono quelle di quest’anno, ricorrendo il cinquantennale dell’intensa attività umanitaria svolta a favore dei ripani e dei residenti nei comuni dell’interland, da cui provengono diversi soci iscritti.
Le manifestazioni celebrative di quest’anno, dal consiglio direttivo in carica (presidente Decio Marinelli, segretario Mariano Giannetti), sono state programmate nei seguenti giorni del mese di Giugno: sabato 1, sabato 8, domenica 16.

Il programma di sabato 1° Giugno, si svolgerà  nella sala di rappresentanza del Municipio con inizio alle ore 17.30 e prevede: un indirizzo di saluto rivolto dal sindaco della Città, Remo Bruni e dal presidente della locale sezione Avis Decio Marinelli; seguirà un’interessante relazione sulla trasfusione di sangue, con l’intervento di due dottoresse: Donatella Donati Sarti relazionerà sulla “Storia della trasfusione nel mondo antico”; Anita Piergallini riferirà su “La trasfusione oggi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 197 volte, 1 oggi)