SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La polemica s’ingrossa e ad intervenire è chi in un primo momento aveva deciso di mantenere il basso profilo. Sulla vicenda del contributo del Comune alle associazioni di volontariato, il consigliere comunale Domenico Pellei non esita a definire “vergognoso” l’attacco subìto dalla onlus “Il Mattino”.

L’interrogazione firmata Pezzuoli, che verrà presentata durante il Consiglio Comunale del 30 maggio, ha scatenato reazioni a catena. La discussione è destinata ad alimentarsi ulteriormente, con l’esponente dell’Udc intenzionato a chiarire la questione.

“Avrei voluto rimanere al di fuori del dibattito, se così lo si può chiamare. Il giornalista Massimo Falcioni mi aveva chiesto se per caso io fossi dietro all’Associazione di Promozione Sociale Il Mattino e mi ero espresso dicendo che conoscevo bene sia i volontari che l’iniziativa posta dall’Associazione, ovvero L’Armadio dei Piccoli. Tuttavia non volevo, perché non risponde al vero, che l’opera posta da queste persone meritevoli, fosse in qualche modo etichettata politicamente”.

Nel frattempo però qualcosa è cambiato e Pellei ha ritenuto corretto affrontare il caso di petto: “Adesso mi ci metto davanti, si sta cercando di trovare non so quale scoop o inciucio. Non si è detta una parola, non si è fatto un commento che sia uno sul servizio svolto da questa associazione. Giustamente, visto che i dati offerti dalla responsabile sono incontrovertibili e incontestabili. Sono numeri che dicono che il territorio si trova in una gravissima crisi, le famiglie non riescono a comprare i pannolini per i propri bambini. Centinaia di loro sono stati vestiti con il servizio svolto da questo sportello. Addirittura i Servizi Sociali si sono rivolti al Mattino per poter avere attrezzature da fornire ai minori in carico al servizio. Ed ancora – prosegue – non si è detta una parola nei confronti di quelle persone che, tenendo viva una cultura della carità e della solidarietà nella quale hanno coinvolto ragazzi di scuole e gruppi giovanili, offrono una parte del loro tempo per far vivere questa opera”.

Per Pellei, l’azione di Pezzuoli “dimostra che la politica è lontana anni luce dai problemi dei cittadini, che non possono conseguentemente confermare quella diffusa sfiducia, se non addirittura quel disgusto nei confronti di chi ne è interprete. Parleremo dunque in Consiglio del contributo concesso a Il Mattino, ma mi raccomando non si dica una parola delle 83 famiglie che hanno avuto la necessità di chiedere degli abitini per i propri figli”.

Nel documento di Pezzuoli si ricorda la mancata iscrizione all’albo regionale della realtà presieduta da Milena Crescenzi: “Per essere registrate – ribatte Pellei – le associazioni di promozione sociale devono avere almeno un anno di attività. Il Mattino non credo che avrà problemi a ricevere l’iscrizione. Infine, la pubblicità delle iniziative sono passate oltre che attraverso la stampa pure sul Bollettino Ufficiale Municipale nell’ottobre 2012”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.444 volte, 1 oggi)