CUPRA MARITTIMA- Opera severa, sofferta e spesso respingente, soprattutto nella prima parte, fornisce il ritratto di una trentenne che trova sacrosanto aiutare i malati terminali ad abbreviare un’agonia ormai opposta al concetto stesso di vita: che sia per motivi personali (la morte della madre malata) o per un’indipendente convinzione intima, entra per poco nella loro esistenza, li aiuta a morire per poi tornare a una routine di fugaci rapporti sessuali e allenamenti fisici.

Il Cinema Margherita di Cupra Marittima da venerdì 17 a lunedì 20 maggio propone Miele di Valeria Golino  Il film è tratto liberamente dal romanzo Vi perdono di Angela Del Fabbro(pseudonimo di Mauro Covacich), successivamente ripubblicato con il titolo A nome tuo. Il film partecipa al Festival di Cannes 2013 nella sezione Un Certain Regard.

Trama: Miele narra la storia di Irene, una ragazza di trent’anni che ha deciso di aiutare le persone che soffrono: malati terminali che vogliono abbreviare l’agonia, persone le cui sofferenze intaccano la dignità di essere umano. Un giorno a richiedere il suo servizio è un settantenne in buona salute, che ritiene semplicemente di aver vissuto abbastanza. L’incontro metterà in discussione le convinzioni di Irene e la coinvolgerà in un dialogo serrato lungo il quale la relazione tra i due sembrerà infittirsi di sottintesi e ambiguità affettive. (www.trovacinema.it)

Tra gli interpreti Jasmine Trinca, Carlo Cecchi, Libero de Rienzo, Vinicio Marchioni, Iaia Forte
Orari: Venerdì 17 maggio ore 21.15; sabato 18 maggio, ore 21.15; domenica 19 maggio ore 16, 18.30, 21.15; lunedì 20 maggio ore 21.15;

Ingressi: intero 6 euro; ridotto 4,50; universitario 4 euro

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 160 volte, 1 oggi)