SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una tradizione esportata dalla Francia e ormai consolidata anche in Italia è quella che vedrà impegnata San Benedetto per il quinto anno consecutivo nella Notte dei Musei. L’edizione 2013, che si svolgerà sabato 18 e domenica 19 maggio, oltre alla consueta apertura di tutte le strutture museali cittadine prevede un cartellone ricco di eventi volti a ripercorrere la tradizione sambenedettese e picena sotto tutti i punti di vista.

Preziosissimo il contributo che arriva in tale occasione dai Solisti Piceni, una donazione di un fondo documentale riguardante la storia della liuteria nella provincia ascolana dal ‘500 fino ai giorni nostri per l’allestimento di una mostra permanente che andrà a completare l’offerta culturale del Palazzo Piacentini. L’esposizione, patrocinata dal Comune di San Benedetto con la collaborazione dell’Istituto musicale Antonio Vivaldi e dell’Associazione musicale Franz Schubert, sarà divisa in due parti, la prima interamente dedicata agli strumenti, compreso un raro esemplare di bassetto del 1880 del liutaio Domenico Ciarma, la seconda relativa ad attrezzi, forme e sagome della liuteria picena.

Per continuare l’approfondimento sulla tradizione musicale nostrana sabato 18 alle 21.30 verrà presentato il libro “Guido Leoni, ritratto di un liutaio sambenedettese“, a cura di Albino Scarpantoni e Massimo Di Sabatino con l’aiuto dello storico Giuseppe Merlini, a seguire ci sarà l’esibizione con strumenti ad arco dell’epoca  della violoncellista Daniela Tremaroli accompagnata dall’allieva Laura De Angelis.

Molteplici anche le iniziative realizzate congiuntamente dall’associazione Oikos e dell’associazione Museo Ittico Augusto Capriotti : sabato 18 il programma si fa in due con l’appuntamento delle ore 18, presso il Museo delle Anfore, dedicato ai più piccoli con letture animate e laboratori, mentre alle 21.30 e alle 23 sono previste due visite guidate alla struttura del Museo del Mare, la quale rimarrà eccezionalmente aperta al pubblico fino all’una.

Domenica si inizierà con una visita guidata per sordomuti nella lingua dei segni, per proseguire alle ore 16 con la presentazione presso il Museo Ittico di uno studio effettuato dagli studenti dell’Università di Camerino e illustrato dal dottor Luigi Olivieri relativo alle proprietà del pesce azzurro. In conclusione è previsto per le ore 17 al Museo della Civiltà Marinara delle Marche un intervento del dottor Luigi Anelli sulla vera ricetta del brodetto alla sambenedettese, con tanto di assaggio e mini aperitivo.  Per quest’ultimo incontro è obbligatoria la prenotazione con un limite massimo di 30 partecipanti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 309 volte, 1 oggi)