SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una nuova piscina, ma al risparmio. Il Comune di San Benedetto abbandona il progetto di Piergallini&Pignotti, l’unica ditta che aveva risposto all’iniziale bando pubblico.

Mancherebbero parametri urbanistici a sostegno di un percorso ritenuto al contempo troppo costoso. Meglio allora ristrutturare l’impianto natatorio esistente e costruire una struttura dove oggi sorge la vasca scoperta.

L’idea è stata valutata venerdì mattina, durante la riunione del gruppo di lavoro a cui hanno preso parte i consiglieri comunali Andrea Marinucci, Giancarlo Vesperini, Gianluca Pasqualini, Roberto Bovara, Giuseppe Laversa e l’assessore Luca Spadoni.

Sulla “Primo Gregori” verrebbero investiti circa 500 mila euro, mentre per la costruzione attigua non si investirebbero certamente i 12 milioni previsti dall’ipotesi precedente. Il costo sarebbe pertanto dimezzato, anche se non è ancora stata decisa la modalità del reperimento del denaro necessario.

L’opera di Piergallini&Pignotti sarebbe dovuta sorgere lungo Viale dello Sport e avrebbe dovuto comprendere, tra le altre cose, una piscina olimpionica coperta di 50 metri, una destinata a fisioterapia, una per bambini ed un’altra all’aperto, di 25 metri. Tutto questo accompagnato da parcheggi interrati, negozi, uffici e ristoranti.

A questo punto, l’indizione di un nuovo bando è  altamente probabile. Per fine mese è  previsto un secondo incontro, con successiva relazione a tutta la maggioranza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.138 volte, 1 oggi)