SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Confesercenti vuole il nuovo lungomare e rimpiange l’ex sindaco Domenico Martinelli: “Nella sua breve esperienza, il tanto vituperato centrodestra ha realizzato qualcosa che rimarrà nella storia. In sette anni invece, l’amministrazione Gaspari non ha ancora portato a casa nulla. In politica contano i risultati, non le chiacchiere”. Un monito duro che il presidente provinciale Bruno Traini, rieletto per i prossimi quattro anni, ha espresso alla presenza di Margherita Sorge. L’assessore al Turismo ha ribadito che nei pensieri della maggioranza il lungomare nord rimane un’assoluta priorità. Il tratto dovrebbe essere riqualificato attraverso la procedura del leasing in costruendo, forma di prestito da riscattare nel tempo.

Ma dalle parole bisogna passare ai fatti. Non a caso, nel corso dell’ultima riunione, l’alleanza di centrosinistra avrebbe varato quattro gruppi di lavoro, chiamati ad occuparsi, oltre che del litorale, pure del futuro della nuova piscina, del Ballarin (Sovrintendenza permettendo) e dei Poru, piani di restyling urbano di zone già esistenti.

I gruppi saranno composti da un consigliere comunale (scelto dai capigruppo), dall’assessore competente e dal tecnico dell’Ufficio di riferimento.

Di lungomare però si parla animatamente anche per via delle innumerevoli chiusure al traffico attuate recentemente. Quattro divieti nelle ultime cinque domeniche, per lasciare spazio in successione alla Maratonina dei Fiori, al Triathlon, alla Maremonti e a Bici in città. Senza dimenticare che domenica 26 maggio andrà in scena l’epilogo stagionale dell’iniziativa ecologica “Lascia l’auto a casa”.

I concessionari di spiaggia sono sul piede di guerra. Eppure, l’assessore alla Mobilità, Luca Spadoni, non è intenzionato a batter ciglio: “Non esistono solo gli automobilisti. Sono una lobby importante, tuttavia non esistono solo loro. I titolari delle attività si mettano in testa che da qui ai prossimi anni le macchine si prenderanno sempre meno. C’è tanta gente che protesta, ma anche tanta gente che mi ringrazia”.

La sostenibilità prima di tutto, insomma. Peccato però che fino a pochi mesi fa proprio per il rifacimento del lungomare il Comune avesse intrapreso la strada del project-financing, con l’ipotesi della concessione ultra-ventennale dei parcheggi di Viale Trieste a chi si fosse aggiudicato il bando. “Quel percorso è stato abbandonato definitivamente – commenta oggi Spadoni – stiamo cercando altre soluzioni”.

BICI IN CITTA’ DALLE 9.30 La manifestazione Bici in città partirà domenica alle 9.30 presso Piazza Giorgini. La truppa si dirigerà verso la Sentina. Lì prenderà parte ad una visita guidata che culminerà con la degustazione del gelato alla lattuga rossa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.313 volte, 1 oggi)