Una manifestazione continentale contro le politiche di austerità europee: “Peoples United Against the Troika”, ovvero “Cittadini uniti contro la Troika” (Fmi, Bce, Commissione Europea) si svolgerà in tutto il Continente sabato 1° giugno. Il tam tam è partito attraverso internet e i social network.

 

Ecco l’appello (nostra traduzione da qui):

“L’Europa è sotto un violento attacco del capitale finanziario, rappresentato dalla Troika (Fmi, Bce, CE) a dai successivi governi che hanno applicato politiche concertate con questi enti, che disprezzano e distruggono i cittadini. Noi sappiamo che questa offensiva è organizzata per distruggere i cittadini, renderli schiavi del debito e dell’austerità. Questa offensiva attraversa l’Europa e deve essere affrontata con una lotta internazionale.

Ciascuno di noi, in ciascuna nazione, città, casa, con le sue proprie specificità, sente direttamente le misure che annichiliscono diritti conquistati attraverso le decadi, misure che aggravano la disoccupazione, privatizzano tutto ciò che può produrre un profitto e non accettano la sovranità nazionale per mezzo della propaganda dell'”aiuto esterno”. E’ urgente che si aggiungano forze per combattere l’attacco in corso.

L’appello che lanciamo per una protesta internazionale decentralizzata è circolato attraverso dozzine di movimenti in Spagna, Francia, Italia, Grecia, Cipro, Irlanda, Inghilterra, Scozia, Germania e Slovenia. Moltissimi attivisti internazionali, da diverse nazioni europee, erano presenti in un incontro del 26 aprile, a Lisbona, dove questa proposta internazionale è stata discussa.

Alla fine abbiamo raggiunto il consenso per lanciare una protesta internazionale il prossimo 1° giugno, con lo slogan “Peoples United Against the Troika!“.

Questo è l’inizio di un decentralizzato, inclusivo e partecipatorio processo. Noi auspichiamo di costruirlo collettivamente, unendo tutte le forze disponibili. D’ora in poi, la data del 1° giugno sarà diffusa su scala europea, ed esortiamo tutti ad unirsi a questa protesta internazionale contro la Troika e l’austerità… affinché le persone possano riprendere il controllo delle proprie vite.

Esortiamo tutti i cittadini, con o senza partito, con o senza lavoro, con o senza speranza, di unirsi a noi. Esortiamo tutte le organizzazioni politiche, movimenti sociali, sindacati, partiti, collettivi, gruppi informali, di unirsi a noi.

Auspichiamo di continuare ad allargare i nostri contatti, sia nazionali che internazionali, per cui siamo consapevoli che soltanto la somma delle nostre voci può fermare le nuove ondate di austerità che sono state preparate. I cittadini dell’Europa hanno dimostrato in diversi momenti che non sono disponibili per ulteriori sacrifici, nel nome di un futuro che mai arriverà. E’ arrivato il momento per una dimostrazione di massa delle capacità di queste persone di coordinare la lotta contro queste politiche.
Dal Nord al Sud dell’Europa, date a noi le strade contro l’Austerità!

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 902 volte, 1 oggi)