RECANATI – La 34a ed ultima Giornata (17a di ritorno) di Serie D Girone F è andata in archivio con 7 successi (di cui 3 esterni) e 2 pareggi (entrambi per 3-3). 37 (di cui 2 su rigore) le reti messe a segno in questo 34° ed ultimo turno. Quattro le doppiette odierne: Leonetti (Olympia Agnonese) ,Pedalino (Amiternina), Ragatzu (San Nicolò) e Siclari (San Cesareo). Ma il gol più pesante oltre a quelli del Celano che hanno spento i sogni promozione del San Cesareo e quello di Pazzi che ha sancito la promozione della Samb, è stato senza dubbio quello di Simone Miani del Termoli che si è laureato capocannoniere 2012/13 del Girone F.
La Samb espugna Recanati ed è promossa in 2a Divisione Lega Pro. La formazione rossoblu torna nei Professionisti dopo 4 anni (ultima volta in 1a Divisione Girone A stagione 2008/09 al termine della quale dopo essere retrocessa sul campo perdendo Play out col Lecco, in estate fallì ripartendo dall’Eccellenza Marche) ed in 2a Divisione (ex C2) dopo 11 anni (ultima volta nella stagione 2001/02 al termine della quale con Gaucci presidente e Colantuono allenatore-giocatore fu promossa in C1 dopo aver vinto Play Off del Girone B contro il Brescello).

RISULTATI E MARCATORI DELLA 34A ED ULTIMA GIORNATA (17A DI RITORNO) DELLA SERIE D GIRONE F DI DOMENICA 5 MAGGIO 2013
Amiternina-Città di Marino 3-1 (42’Costantino,51’e 67’Pedalino, 85’Giovanni Esposito [C.d.M.]);
Astrea-Ancona 1905 3-0 (30’autorete di Lispi, 43′ Lorenzo Sorrentino, 77’Giuntoli) ;
Isernia-Fidene 3-2 (27’ Guglielmi, 43’ Maiorano, 73’ De Marco [F],85’ Fucci, 87’ Macellari [F]);
Jesina-Vis Pesaro 3-1 (45′Strappini, 59’Pierandrei, 72′ Federico Rossini [V.P.], 77’Sebastianelli);
Olympia Agnonese-Maceratese 3-3 (22’e 44′ Leonetti [O.A.], 61′ Piergallini [M], 71′ Negro [M], 77′ Keita [O.A.], 81’Melchiorri [M]);
Recanatese-Samb 1-2 (38’Carpani, 54’Alessandro Rossi [R], 97′ Pazzi su rigore);
Renato Curi Angolana-Civitanovese 0-1 (56′ Galli) ;
San Cesareo-Celano Marsica 3-3 (27’Lazzarini [C.M.], 40′ Emanuele Mancini [S.C.], 44’Valdes [C.M.], 52′ Siclari [S.C.], 66′ Dema [C.M.], 90’Siclari [S.C.]) ;
San Nicolò-Termoli 2-3 (19´Bartolini su rigore, 49′ Simone Miani, 51’Ragatzu [S.N.], 54’Ragatzu [S.N.], 69’D´Angelo) .

CLASSIFICA FINALE : Samb * 71 ,Termoli @ e San Cesareo @ 68, Maceratese @ 64, Vis Pesaro @ 57, Ancona 1905 ed Olympia Agnonese 53, Astrea 50, Jesina 46, Civitanovese 42, Amiternina e Fidene 40, Isernia 38, Renato Curi Angolana ° 37, Celano Marsica ° 33, Recanatese ^ 29, San Nicolò ^ 22, Città di Marino ^ 20.
*= Promossa in Seconda Divisione Lega Pro.
@= disputano Play Off.
°= disputano Play Out.
^= retrocesse direttamente in Eccellenza .

VERDETTI:
Samb promossa in 2a Divisione Lega Pro.
Termoli e San Cesareo hanno concluso a pari punti ma i molisani sono davanti e dunque secondi per il doppio vantaggio negli scontri diretti.
Semifinali Play Off in gara unica (in casa della migliore classificata) di domenica 12 maggio: Termoli -Vis Pesaro e San Cesareo-Maceratese. In caso di parità al termine dei 90′ regolamentari si andrà ai tempi supplementari ed in caso di ulteriore parità passeranno le squadre che giocano in casa ossia le meglio classificate nella Regolar Season.
Finale in gara unica (in casa della migliore classificata) mercoledì 15 maggio. La vincente dei Play Off approderà alle fasi Nazionali assieme alle altre vincenti dei Play Off degli altri 8 gironi.
Play Out con gare di andata (in casa della peggio classificata) il 19 maggio e ritorno (a campi invertiti ossia in casa delle meglio classificata) il 26 maggio: Celano Marsica-Renato Curi Angolana. In caso di parità nel numero dei gol realizzati (esempio 1-1 e 2-2 o 1-0 e 2-3) al termine della doppia sfida di andata e ritorno si salverà la squadra che giocherà la partita di ritorno in casa ossia la meglio classificata nella Regolar Season, in questo caso la Renato Curi.
Si effettua un solo spareggio perchè l’Isernia (13°) ha 9 punti (dunque uno + degli 8 minimi per disputare play out) di vantaggio sulla Recanatese (16a). Dunque molisani salvi e leopardiani retrocedono.
Recanatese (per distacco superiore agli 8 punti: 9 dalla 13a ossia l’Isernia), Città di Marino e San Nicolò direttamente retrocesse in Eccellenza.

Facendo un raffronto tra la classifica di questa stagione (sopra) e quella della scorsa (sotto) si può notare come la Samb a distanza di un anno pur facendo meno punti (71 vs 72) sia riuscita a migliorare la posizione rispetto allo già straordinario scorso campionato . Come si può notare dalle due classifiche il campionato appena concluso è stato molto più equilibrato rispetto a quello dello scorso anno soprattutto in coda.
Classifica Girone F 2011/12: Teramo * 73, Samb @ ed Ancona 1905 72, Civitanovese 68, Isernia 60 , Atletico Trivento 59, San Nicolò 50, Jesina ed Olympia Agnonese 48, Recanatese 45, Vis Pesaro 44, Atessa Val di Sangro e Riccione 39, Renato Curi Angolana 38, Santegidiese ° 36, Miglianico ^ 26, Luco Canistro ^19 , Real Rimini ^ 5.
* promosso in 2a Divisione Lega Pro .
@= Ha vinto Play Off del Girone F partecipando a quelli Nazionali dove è stata eliminata al 2° turno (detto 4a Fase).
°= Retrocessa in Eccellenza dopo i Play Out persi con la Renato Curi Angolana.
^= retrocesse direttamente in Eccellenza.

CLASSIFICA CANNONIERI:
Simone Miani del Termoli succede a Gerardo Masini (che la scorsa stagione quando indossava la maglia del Teramo fu capocannoniere del Girone F con 22 reti; ora è bomber dell’Ischia Isolaverde) vincendo la classifica cannonieri della Serie D Girone F 2012/13 con 23 gol (di cui 3 su rigore).
Alle sue spalle troviamo Melchiorri della Maceratese e Sivilla dell’Olympia Agnonese con 22 gol ciascuno.
Completano podio finale Bartolini del Termoli, Di Iorio dell’Astrea e Tajarol del San Cesareo con 17 reti a testa .
Alle loro spalle c’è Artiaco (9 con la maglia dell’Isernia e 7 con quella dell’Ancona 1905) con 16 gol .
Poi ci sono Napolano (2 rigori trasformati ) della Samb e Pedalino dell’Amiternina con 15 centri ciascuno .
Seguono Pazzi (3 rigori trasformati) della Samb, Siclari del San Cesareo e Stefanelli della Jesina con 14 reti a testa.
A seguire Shiba della Samb con 13 gol.
Dietro di loro troviamo Cremona della Vis Pesaro e Keita dell’Olympia Agnonese con 12 centri a testa .
Seguono Galli della Civitanovese e Lazzarini del Celano Marsica con 11 centri ciascuno.
Poi troviamo D’Angelo del Termoli, Delgado del San Cesareo, Leonetti dell’Olympia Agnonese, Orta della Maceratese e Ragatzu del San Nicolò con 9 reti ciascuno .
A seguire Dema del Celano Marsica, Giuntoli dell’Astrea e Raso del Fidene con 8 gol a testa.
Poi è la volta di Biso della Civitanovese, Borrelli e Ruffini dell’Ancona 1905, Carboni della Maceratese, De Matteis e Ferraresi della Renato Curi Angolana, Tommaso Gabrielloni della Jesina, Iacoponi della Recanatese , Mollo e Simonetta dell’Astrea e Ricamato dell’Olympia Agnonese con 7 centri ciascuno.

Seguono poi Carpani e Davide Traini della Samb, Cavallaro dell’Ancona 1905, l’argentino Molinari (poi passato al Taranto) dell’Amiternina, Emanuele Mancini del San Cesareo, Negro e Piergallini della Maceratese, Pagliuca e Vespa della Renato Curi Angolana, Pizzutelli dell’Olympia Agnonese, Sebastianelli della Jesina, Vicini della Vis Pesaro, Costantino (3 con la maglia del San Nicolò e 3 con quella dell’Amiternina) e Covelli (3 con la maglia del Fidene e 3 con quella della Civitanovese) con 6 reti a testa .

Poi vi sono Bugaro, Di Carlo, Lorenzo Paoli e Federico Rossini della Vis Pesaro, Casimirri e Pirro (poi passato alla Fermana in Eccellenza Marche) del Città di Marino, Del Vecchio del San Cesareo, Alessandro Gabrielloni della Jesina, Franco Gigli della Recanatese, Guglielmi, Iaboni e Panico (poi passato al Turris Santa Croce) dell’Isernia, Selva e Giovanni Sorrentino del Fidene, Valdes del Celano Marsica e Gabrieli (2 con la maglia della Jesina e 3 con quella del San Nicolò) con 5 gol ciascuno.

Poi troviamo Ambrosini (poi svincolato e passato al Teramo in 2a Divisione Lega Pro) dell’Ancona 1905, Capparella (poi svincolato), Padovani e Paris del San Nicolò, De Marco e Prevete del Fidene, Di Mercurio del Termoli, Forgione e Mattia Santoni della Samb, La Vista della Civitanovese e Laghigna del Città di Marino con 4 reti a testa.

Alle loro spalle abbiamo Bellini e Ramacci dell’Astrea, Bocchino dell’Amiternina, Capuozzo e Fazio dell’Isernia, Cavaliere, Palmieri ed Alessandro Rossi della Recanatese, Olcese dell’Ancona 1905, Cianni e Stefano Mandorino del Termoli, Crescenzo, Hrustic e Mucciarelli del San Cesareo, D’Aniello della Jesina, Emiliano Dominici del Fidene, Giovanni Esposito del Città di Marino, Romanski della Maceratese e Luigi Palumbo (2 con la maglia dell’Isernia ed uno con quella dell’Ancona 1905) con 3 gol ciascuno
.
Dietro di loro ci sono Alvino, Eramo, Labriola, Lispi, Martino, Sparvoli e Michael Traini dell’Ancona 1905, Antonelli del Celano Marsica, Bassini, Fusaroli del Fidene, Berardi, Gizzi e Varchetta dell’Amiternina, Cadaleta, Di Lollo, Stefano Mancini e Pifano dell’Olympia Agnonese, Caravaglio, Falco e Viteritti del Termoli, Nicola Cardinali, Leonardo Rossini e Strappini della Jesina, Ciaramelletti, Mirante, Pignalosa, Quadrini e Singleton del Città di Marino, Coccia, De Santis e Troccoli del San Nicolò, D’Ancona e Musilli della Renato Curi Angolana, Di Marino della Recanatese, Djibo, Ianni e Marini della Samb, Ekani, Nardone e Mattia Ridolfi della Civitanovese, Fazi e La Rosa del San Cesareo, Maiorano e Vinciguerra dell’Isernia, Mania e Lorenzo Sorrentino dell’Astrea, Paganelli ed Alberto Torelli della Vis Pesaro e Chicco (uno con la maglia del Fidene ed uno con quella del San Nicolò) con 2 centri a testa.

Chiudono Aquino, Camilli, Carminucci, Puglia e Quondamatteo della Samb, Arcolai, Eliczietta, Lattanzi e Russo della Maceratese, Luca Bellucci, Bricca, Gramacci ed Ingari dell’Ancona 1905, Bianchi, Coppola, De Giambattista, Fucci, Fusaro (poi passato al Termoli), Galuppi, Lunardo, Mingione e Nicolai dell’Isernia, Briotti, Navarra e Pentassuglia dell’Astrea, Cancelli, Ferrante, Forlano, Iommarini e Ligocki della Renato Curi Angolana, Carnevali, Frulla, Marotta, Pierandrei, Sartori e Tafani della Jesina, Colombo, Congiu, Valerio Esposito, Gigliotti (poi passato al Gimigliano) , Christian Scarlato e Simboli del Città di Marino, De Paolis, Sabatino e Vona del San Cesareo, Di Lullo, Felici, Maglione, Raffaele Moretti, Panariello e Spagna del Termoli, Fuschi , Granaiola, Luzi, Salvati, Terlino e Graziano Villa del Celano Marsica, Garcia, Latini, Andrea Miani (poi svincolato), Pagliardini (poi svincolato e tornato ad Urbania) e Patrizi della Recanatese e Guerriero del San Nicolò, Dawid Lenart, Lukasz Lenart, Moauro, Perfetti, Petrone e Rotariu dell’Amiternina, Macellari, Pirelli e Scippa del Fidene , Nicola Moretti, Ravasi e Sensi della Civitanovese, Orlando, Litterio e Scampamorte (poi passato alla Renato Curi Angolana) dell’Olympia Agnonese e Giacomo Ridolfi e Giorgio Torelli della Vis Pesaro, tutti con un gol ciascuno.

Autoreti: Berardi (Amiternina) pro Jesina, Bonanno (Termoli) pro Fidene, Del Grosso (Ancona 1905) pro Termoli , De Sanctis (Celano Marsica) pro Isernia, Di Berardino (Olympia Agnonese) pro Termoli, Di Fiordo (Astrea) pro Samb, Di Marino (Recanatese) pro Termoli, Giovanni Esposito (Città di Marino) pro Ancona 1905, Frulla (Jesina) pro Maceratese ; Gialloreto (San Nicolò) pro Ancona 1905, Kalambay (Città di Marino) pro San Cesareo, Lispi (Ancona 1905) pro Astrea, Mania (Astrea) pro Samb, Rachini (Recanatese) pro Olympia Agnonese, Raso (Fidene) pro San Nicolò e Scartozzi (Samb) pro San Cesareo

STATISTICHE NEL DETTAGLIO SERIE D GIRONE F DOPO LA 34A ED ULTIMA GIORNATA :
POSITIVE:
Non ci sono squadre imbattute ne in senso assoluto, ne in casa e ne in trasferta .
Più lunga e dunque migliore striscia positiva stagionale e migliore serie positiva conclusiva: Termoli con 12 risultati utili consecutivi (9 successi e 3 pareggi) .
Più lunga e dunque migliore serie di vittorie consecutive stagionale: Samb (dalla 14a Giornata alla 19a) e San Cesareo (dalla 5a giornata alla 10a) con 6 successi consecutivi a testa.
Maggior numero di vittorie consecutive conclusive: Samb con 2 successi consecutivi.
Non subisce gol da più partite: Civitanovese (180 minuti effettivi) da 2 gare consecutive.
Miglior attacco: Samb con 75 reti (di cui 6 su rigore, 46 in casa e 29 in trasferta) segnate con 15 diversi elementi: Aquino (1), Camilli (1), Carminucci (1), Carpani (6), Djibo (2), Forgione (4), Ianni (2), Marini (2), Napolano (15, di cui 2 su rigore), Pazzi (14, di cui 4 su rigore) , Puglia (1), Quondamatteo (1), Mattia Santoni (4), Shiba (13) e Davide Traini (6). Ai 15 diversi marcatori rossoblu vanno aggiunte le autoreti di Di Fiordo (Astrea) e Mania (Astrea).
Miglior difesa: Vis Pesaro con 25 reti subite (sarebbero 26 se non fosse stata resa nulla la partita Ancona-Vis Pesaro vinta sul campo dai dorici per 1-0 ma poi trasformata in 0-3 a tavolino per i vissini).
Migliore differenza reti : Samb con un +40 (75-35).
Maggior numero di vittorie: Samb con 21 successi.
Minor numero di sconfitte: Samb con 5 ko (0-1 interno con l’Amiternina alla 2a Giornata, 2-1 a Termoli all’11a, 2-0 a Città Sant’Angelo alla 21a o 4a di ritorno che dir si voglia, 3-2 sul campo dell’Astrea alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia e 2-0 a Pesaro alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia) .
Maggior numero di pareggi: Celano Marsica con 15 pari .
Maggior numero di punti in casa: Samb con 40, frutto di 12 successi , 4 pareggi ed un ko.
Maggior numero di punti in trasferta : San Cesareo con 32, frutto di 9 successi, 5 pareggi e 3 ko .
Le squadre andate a segno col maggior numero di giocatori sono: Ancona 1905 ed Isernia con 18 diversi elementi a testa.
Ancona: Alvino (2), Ambrosini (4-poi svincolato e passato al Teramo in 2a Divisione Lega Pro), Artiaco (6), Luca Bellucci (1), Borrelli (7), Bricca (1), Cavallaro (5), Eramo (2), Gramacci (1), Ingari (1), Labriola (2), Lispi (2), Martino (2), Olcese (3), Luigi Palumbo (1), Ruffini (7), Sparvoli (2) e Michael Traini (2). Ai 18 diversi marcatori dorici vanno aggiunte le autoreti di Gialloreto (San Nicolò) e di Giovanni Esposito (Città di Marino).
Isernia: Artiaco (9, poi passato all’Ancona 1905),Bianchi (1), Capuozzo (3), Coppola (1), De Giambattista (1), Fazio (3), Fucci (1), Fusaro (1, poi passato al Termoli), Galuppi (1), Guglielmi (5), Iaboni (5), Lunardo (1), Maiorano (2), Mingione (1) , Nicolai (1), Luigi Palumbo (2, poi passato all’Ancona 1905), Panico (5, poi passato al Turris Santa Croce) e Vinciguerra (2). Ai 18 diversi marcatori bianco-celesti va aggiunta l’autorete di De Sanctis (Celano).
Minor numero di Espulsioni: Olympia Agnonese con 3 soli cartellini rossi rimediati.
Minor numero di Ammonizioni: Olympia Agnonese con 61 cartellini gialli rimediati.
Migliore media inglese: Samb con +3.

NEGATIVE:
Più lunga e dunque peggiore striscia negativa stagionale è stata del Città di Marino con 9 ko consecutivi (dalla 18a Giornata alla 26a).
Peggior serie negativa conclusiva: Città di Marino con 5 ko consecutivi.
Maggior numero di sconfitte : Città di Marino con 24 ko .
Minor numero di vittorie: Città di Marino e San Nicolò con 5 successi a testa.
Minor numero di pareggi: Città di Marino con 5 pari .
Peggior difesa:Città di Marino con 78 reti incassate.
Peggior attacco: Recanatese con 28 reti realizzate.
Peggior differenza reti: Città di Marino con un -45 (33-78) .
Minor numero di punti tra le mura amiche : San Nicolò a quota 10, frutto di 2 successi, 4 pareggi ed 11 ko.
Minor numero di punti esterni: Città di Marino a quota 8, frutto di 2 successi, 2 pari e 13 ko.
Maggior numero di espulsioni (di giocatori): Città di Marino con 17 cartellini rossi rimediati.
Maggior numero di ammonizioni:Civitanovese con 121 cartellini gialli rimediati.
Peggior media inglese: Città di Marino con un -48.

SCONTRI DIRETTI ALTA CLASSIFICA: Nella speciale classifica degli scontri diretti tra le prime 5 squadre ( Samb, Termoli, San Cesareo, Maceratese e Vis Pesaro ) del torneo chiude in testa il Termoli con 18 punti frutto di 5 successi (3-0 interno col San Cesareo alla 2a giornata, 1-2 a Pesaro alla 10a, 2-1 interno alla Samb all’11a, 0-5 sul campo del San Cesareo alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia e 3-2 interno con la Vis Pesaro alla 27a o 10a di ritorno che dir si voglia) e 3 pareggi (tutti per 1-1, 2 volte con la Maceratese: interno alla 6a giornata e a Macerata alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia ed una con la Samb in trasferta alla 28a o 11a di ritorno che dir si voglia).
Segue la Maceratese con 13 punti frutto di 3 successi (0-1 a Pesaro alla 2a Giornata, 2-1 interno col San Cesareo alla 13a ed 1-3 sul campo dello stesso San Cesareo alla 30a o 13a di ritorno che dir si voglia) , 4 pareggi (1-1 a Termoli alla 6a giornata , 0-0 interno con la Vis Pesaro alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia, 1-1 interno col Termoli alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia e 2-2 a San Benedetto del Tronto alla 24a o 7a di ritorno che dir si voglia) ed un ko (0-3 sempre interno con la Samb alla 7a Giornata).
Poi troviamo la Samb con 10 punti frutto di 2 successi (0-3 a Macerata alla 7a giornata e 2-0 interno con la Vis Pesaro alla 15a), 4 pareggi (1-1 sul campo del San Cesareo alla 3a giornata, 3-3 interno col San Cesareo alla 20a o 3a di ritorno che dir si voglia, 2-2 ancora interno con la Maceratese alla 24a o 7a di ritorno che dir si voglia ed 1-1 sempre interno col Termoli alla 28a o 11a di ritorno che dir si voglia) e 2 ko (2-1 a Termoli all’11a giornata e 2-0 a Pesaro alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia).
Quindi c’è la Vis Pesaro con 7 punti frutto di 2 successi (2-0 interno col San Cesareo alla 26a o 9a di ritorno che dir si voglia ed altro 2-0 interno stavolta con la Samb alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia), un pareggio (0-0 a Macerata alla 19a Giornata o 2a di ritorno che dir si voglia) e 5 ko (0-1 interno con la Maceratese alla 2a Giornata, 2-0 sul campo del San Cesareo alla 9a , 1-2 interno col Termoli alla 10a, 2-0 a San Benedetto del Tronto alla 15a e 3-2 a Termoli alla 27a o 10a di ritorno che dir si voglia).
Chiude questa particolare classifica il San Cesareo con soli 5 punti frutto di un successo (2-0 interno con la Vis Pesaro alla 9a Giornata), 2 pareggi (1-1 interno con la Samb alla 3a giornata e 3-3 sul campo della stessa Samb alla 20a o 3a di ritorno che dir si voglia) e 5 ko (3-0 a Termoli alla 2a giornata, 2-1 a Macerata alla 13a, 0-5 interno col Termoli alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia, 2-0 a Pesaro alla 26a o 9a di ritorno che dir si voglia ed 1-3 interno con la Maceratese alla 30a o 13a di ritorno che dir si voglia) .

STATISTICHE SAMB:
Serie Positiva conclusiva: 2 successi consecutivi
Vittorie:21 (Con San Nicolò, Renato Curi Angolana, Astrea, Maceratese, Jesina, Celano Marsica, Civitanovese, Città di Marino, Vis Pesaro, Isernia, Recanatese, di nuovo col San Nicolò , poi con Amiternina ed Olympia Agnonese e di nuovo con Jesina, Celano e Civitanovese, poi con Fidene e di nuovo con Città di Marino, Isernia e Recanatese).
Pareggi: 8 (con San Cesareo, Olympia Agnonese, Ancona 1905, Fidene, di nuovo col San Cesareo, poi con la Maceratese, di nuovo con l’Ancona 1905, poi col Termoli)
Sconfitte:5 (con Amiternina, Termoli, Renato Curi Angolana, Astrea e Vis Pesaro)
Gol fatti: 75 (46 in casa e 29 in trasferta) con 15 diversi marcatori : Aquino (1), Camilli (1), Carminucci (1), Carpani (6), Djibo (2), Forgione (4), Ianni (2), Marini (2), Napolano (15, di cui 2 su rigore), Pazzi (13, di cui 3 su rigore) , Puglia (1), Quondamatteo (1), Mattia Santoni (4), Shiba (13) e Davide Traini (6). Ai 15 diversi marcatori rossoblu vanno aggiunte le autoreti di Di Fiordo (Astrea) e Mania (Astrea).
Gol subiti: 35 (18 in casa e 17 in trasferta).
Differenza reti: +40 (75-35).
Capocannoniere: Giordano Napolano con 15 reti (2 rigori trasformati) .
Punti interni: 40 (su 17 gare casalinghe): 12 successi , 4 pareggi ed un ko
Punti esterni: 31 (su 17 gare in trasferta): 9 successi, 4 pareggi e 4 ko.
Espulsioni (di giocatori): 8 (Carminucci, Forgione, Guglielmi [poi svincolato e passato all’Isernia], Ianni [direttamente dalla panchina], Napolano [2], Pazzi e Puglia).
Ammonizioni:91.
Media inglese: +3.

Statistiche SAN CESAREO (Principale antagonista Samb) :
Serie Positiva conclusiva: 2 risultati utili consecutivi (2 pareggi).
Vittorie: 20 (Con Città di Marino, Isernia, Recanatese, San Nicolò, Amiternina,Vis Pesaro, Renato Curi Angolana , Astrea, Jesina, Ancona 1905, Civitanovese, Celano Marsica, di nuovo con Città di Marino, Recanatese, San Nicolò, Amiternina e Renato Curi Angolana, poi con Olympia Agnonese e di nuovo con Astrea e Jesina)
Pareggi: 8 (Con Samb, Fidene, Olympia Agnonese, di nuovo con Samb e Fidene e poi con Isernia, Civitanovese e Celano)
Sconfitte: 6 (Con Termoli , Maceratese, di nuovo col Termoli, poi con Vis Pesaro, di nuovo con la Maceratese e poi con l’Ancona 1905).
Gol fatti: 69 (34 in casa e 35 fuori) con 13 diversi elementi: Crescenzo (3), De Paolis (1) , Delgado (9), Del Vecchio (5), Fazi (2), Hrustic (3), La Rosa (2), Emanuele Mancini (6), Mucciarelli (3), Sabatino (1), Siclari (14), Tajarol (17) e Vona (1). Ai 13 diversi marcatori rossoblu vanno aggiunte le autoreti di Kalambay (Città di Marino) e Scartozzi (Samb).
Gol subiti: 44 (22 in casa e 22 fuori).
Differenza reti: +25 (69-44).
Capocannoniere: Stefano Tajarol con 17 reti all’attivo.
Punti interni: 36 (su 17 gare casalinghe): 11 successi, 3 pareggi e 3 ko.
Punti esterni: 32 (su 17 gare in trasferta): 9 successi, 5 pareggi e 3 ko.
Espulsioni (di giocatori): 4
Ammonizioni: 82.
Media inglese:0.
Il San Cesareo è una squadra dell’omonimo paese in provincia di Roma neopromossa in Serie D avendo la scorsa stagione vinto il Campionato d’Eccellenza Lazio Girone B. La formazione di Fabrizio Ferazzoli (fratello di Giuseppe tecnico dell’Astrea ed ex centrocampista di Como, Taranto, Piacenza [con cui giocò anche in Serie A], Avellino, Pescara ecc. I due fratelli possiedono assieme un bar nel quartiere Talenti di Roma) chiude 2a in classifica a pari punti (68) col Termoli a -3 dalla Samb (che ha vinto il Girone con 71 punti), ma è giudicata terza per il peggior andamento rispetto ai molisani negli scontri diretti, entrambi persi. La compagine romana essendo una neopromossa ha avuto un buon andamento a parte il pesante ko interno (0-5) del 13 gennaio col Termoli, con 6 battute d’arresto , 8 pareggi e vincendo 20 partite su 34. In generale la squadra rosso-blu ha raccolto nel dettaglio 20 successi (4-1 interno col Città di Marino alla 1a Giornata, 2-0 interno all’Isernia alla 5a, 1-3 a Recanati alla 6a, altro 2-0 interno stavolta al San Nicolò alla 7a, 0-2 sul campo dell’Amiternina all’8a, ancora un 2-0 interno stavolta alla Vis Pesaro alla 9a, 0-5 a Città Sant’Angelo alla 10a, 2-1 interno ai cugini dell’Astrea alla 12a, 4-2 sempre interno alla Jesina alla 14a, 2-4 ad Ancona alla 15a, altro 2-1 interno stavolta alla Civitanovese, altro 2-4 esterno stavolta a Celano alla 17a, 1-2 a Marino alla 18a o 1a di ritorno che dir si voglia, 2-0 interno con la Recanatese alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia, 2-4 sul campo del San Nicolò alla 24a o 7a di ritorno che dir si voglia, altro 2-0 interno stavolta con l’Amiternina alla 25a o 8a di ritorno che dir si voglia, di nuovo un 2-0 interno , stavolta con l’Angolana alla 27a o 10a di ritorno che dir si voglia, poi un 3-2 sempre interno con l’Agnonese alla 28a o 11a di ritorno che dir si voglia, 1-2 sul campo dei cugini dell’Astrea alla 29a o 12a di ritorno che dir si voglia e 0-2 a Jesi alla 31a o 14a di ritorno che dir si voglia) , 8 pareggi (1-1 interno con la Samb alla 3a Giornata, 2-2 sul campo del Fidene alla 4a, 1-1 ad Agnone all’11a, 3-3 a San Benedetto del Tronto alla 20a o 3a di ritorno che dir si voglia, 1-1 interno col Fidene alla 21a o 4a di ritorno che dir si voglia, 0-0 ad Isernia alla 22a o 5a di ritorno che dir si voglia, altro 0-0 stavolta a Civitanova alla 33a o 16a di ritorno che dir si voglia e 3-3 interno col Celano alla 34a o 17a di ritorno che dir si voglia) e 6 ko (3-0 a Termoli alla 2a Giornata, 2-1 a Macerata alla 13a, 0-5 interno col Termoli alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia, 2-0 a Pesaro alla 26a o 9a di ritorno che dir si voglia, 1-3 interno con la Maceratese alla 30a o 13a di ritorno che dir si voglia ed 1-2 sempre interno con l’Ancona alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia).
In Coppa Italia invece ha passato il turno preliminare pareggiando 1-1 e poi vincendo 5-3 ai rigori in casa il derby romano con il Palestrina San Basilio (Serie D Girone G), il 1° turno liquidando con un 5-2 interno i viterbesi del Flaminia Civita Castellana (Serie D Girone E) i trentaduesimi di finale vincendo (3-4) ai rigori dopo l’1-1 dei tempi regolamentari sul campo del Gladiator (Serie D Girone H) ed i sedicesimi vincendo 3-0 a tavolino la gara interna con la Casertana (militante in Serie D Girone G, punita per aver schierato il centrale difensivo Astarita che doveva finir di scontare una squalifica) , gara che i romani avevano perso per 1-3 sul campo. L’eliminazione è poi arrivata agli ottavi perdendo per 3-1 sul campo del Monospolis (ex Monopoli calcio, militante in Serie D Girone H).

Queste le 9 squadre dei rispettivi Gironi di Serie D promosse in 2a Divisione Lega Pro:
Girone A :Bra ;
Girone B (a 20 squadre) : Pergolettese ;
Girone C (a 20 squadre) : Delta Porto Tolle ;
Girone D: Tuttocuoio ;
Girone E: Castel Rigone ;
Girone F:Samb;
Giroone G: Torres(da non confondere con il Porto Torres facente parte dello stesso girone) ;
Girone H: Ischia Isolaverde;
Girone I: Messina (da non confondere col Città di Messina facente parte dello stesso girone ).
In neretto le squadre promosse
Le 9 vincitrici dei rispettivi gironi si giocheranno poi lo Scudetto Dilettanti (vinto la scorsa stagione dal Venezia) dal 12 al 25 maggio.

Le squadre di Serie D retrocesse direttamente in Eccellenza dopo la stagione regolare sono: Trezzano ed Imperia (nel Girone A), Mezzocorona, Trento, Sant Georgen e Sant’Angelo (nel Girone B, a 20 squadre e dove causa distacchi elevati non si disputano affatto play out), Kras Repen ed Union Quinto (nel Girone C, a 20 squadre) , Rosignano Sei Rose e Bagnolese (nel Girone D), Lanciotto Campi Bisenzio, Pierantonio e Todi (nel Girone E), Recanatese, San Nicolò e Città di Marino (nel Girone F),Civitavecchia e Progetto Sant’Elia (nel Girone G), Grottaglie, Fortis Trani e Potenza (nel Girone H), Acireale e Nissa (nel Girone I).

Ecco il quadro Nazionale aggiornato di tutte le squadre che hanno vinto o sono in testa ai propri campionati regionali d’Eccellenza e sono dunque approdate o stanno approdando in Serie D:
Abruzzo : Sulmona
Basilicata: Real Metapontino
Calabria: Nuova Gioiese
Campania: Progreditur Marcianise (Nel Girone A) e Torrecuso (Nel Girone B )
Emilia Romagna: Lupa Piacenza (Girone A) e Romagna Centro (Girone B, raggruppamento nel quale il Real Rimini si è ritirato)
Friuli Venezia Giulia: Fincantieri Monfalcone
Lazio: Nuova Santa Maria delle Mole (Girone A) e Monterotondo Lupa * e Terracina * in testa a pari punti (Girone B )
Liguria: Vado
Lombardia (unica regione che ha tre gironi d’Eccellenza): Inveruno (Girone A), Giana Erminio (Girone B) e Palazzolo (Girone C)
Marche: Matelica
Molise: Bojano
Piemonte e Valle D’Aosta (unica regione che non ha un proprio girone d’Eccellenza): Borgomanero (Girone A) ed Albese (Girone B)
Puglia: San Severo
Sardegna: Olbia
Sicilia: Akragas (Girone A ) ed Orlandina (Girone B)
Toscana: Jolly Montemurlo (Girone A) ed Olimpia Colligiana (Girone B).
Trentino Alto Adige: Dro
Umbria: Narnese
Veneto: Marano (Girone A) e Vittorio Falmec (Girone B).
In neretto le squadre già matematicamente promosse in serie D.
*= Squadre in testa ai propri campionati ma non ancora matematicamente promosse.
A queste squadre nei rispettivi Gironi di Serie D dove verranno inserite si aggiungeranno le sette vincitrici dei play off nazionali d’Eccellenza e la Fermana vincitrice della Coppa Italia Dilettanti.

Albo d’Oro Serie D (che esiste dalla stagione 1948/49 ma fino alla stagione 1991/92 si chiamava Interregionale) Girone F (che dal 1982 ha quasi sempre raccolto le squadre del centro-sud di Marche ed Abruzzo in particolar modo) ed altri Gironi che dal 1980 ad oggi hanno raccolto le squadre marchigiane :
1979/80 °: Maceratese e Cattolica (Nel Girone C dove c’era anche il Chievo Verona, oggi in Serie A) e Frattese e Campania (Nel Girone F, allora ancora senza squadre marchigiane) ;
1980/81°: Vigor Senigallia e Jesi (Girone C dove c’era anche il Chievo Verona) ed Akragas e Modica (Girone F dove non c’erano ancora squadre marchigiane);
1981/82: Elpidiense (Girone F) ;
1982/83 Cesenatico (Girone F) ;
1983/84: Fermana (Girone F) ;
1984/85:Ravenna (Girone F) ;
1985/86: Vis Pesaro che vinse spareggio a 3 con Gubbio e Riccione, squadre che erano giunte prime a pari punti con i vissini (Girone F) e Lanciano che vinse spareggio col Chieti giunto anch’esso primo a pari punti con i lancianesi (Girone H);
1986/87 : Gubbio (Girone F) e Chieti (Girone H);
1987/88: Poggibonsi (Girone F) e Trani (Girone H);
1988/89: Mobilieri Ponsacco (Girone F ) e Castel di Sangro (Girone G) ;
1989/90: Imola * ma poi fallì e la promozione saltò (Girone F) e Vastese (Girone G) ;
1990/91: Colligiana (Girone F) ed Avezzano (Girone G). In questa stagione chi vinceva il proprio Girone non veniva subito promosso in C2 ma doveva prima vincere anche lo spareggio con la squadra vincitrice del Girone confinante. In quell’anno ad essere promosso fu l’Avezzano che battè proprio la Colligiana nel doppio spareggio ;
1991/92: L’Aquila (Girone F, per la prima volta dal 1982 senza squadre marchigiane) e Sulmona (Girone G). Nonostante avessero vinto i loro rispettivi Gironi le 2 squadre abruzzesi non furono promosse in C2 in quanto perdettero i rispettivi spareggi contro altre 2 vincitrici di Gironi : Gualdo (E) e Sora (H);
1992/93: Nuova Maceratese (Girone E) e Torres (Girone F, per la 2a volta dal 1982 senza squadre marchigiane) ;
1993/94:Vis Pesaro (Girone E) e Teramo (Girone F, per la terza volta dal 1982 senza squadre marchigiane);
1994/95:Tolentino (Girone F) ;
1995/96: Arezzo (Girone E) e Maceratese (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta 14a);
1996/97: Castel San Pietro (Girone E) ed Astrea (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta terza);
1997/98:L’Aquila (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta terza) ;
1998/99: Imolese (Girone D, dove c’era anche la Samb giunta quarta) e Castelnuovo (Girone F per la quarta volta dall’82 senza squadre marchigiane);
1999/2000: San Marino (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta 8a) ;
2000/01: Poggese (Girone D) e Samb (Girone F) ;
2001/02:Fano (Girone E) e Tivoli (Girone F, per la 5a ed ad oggi ultima volta dal 1982, senza squadre marchigiane);
2002/03: Ravenna (Girone D) e Rosetana (Girone F) ;
2003/04: Castel San Pietro (Girone D) e Morro d’Oro (Girone F, dove c’era anche il Grottammare);
2004/05: Foligno (Girone F, dove c’era anche il Grottammare) ;
2005/06: Val di Sangro (Girone F, dove c’era anche il Grottammare;
2006/07: Pescina Valle del Giovenco (Girone F, dove c’erano anche Centobuchi e Grottammare);
2007/08: Giacomense (Girone D) e Sangiustese (Girone F, dove c’erano anche Centobuchi e Grottammare, quest’ultimo giunto quinto ed approdato ai Play Off);
2008/09: Pro Vasto (Girone F, dove c’erano anche Centobuchi e Grottammare, quest’ultimo poi retrocesso);
2009/10: Pisa (Girone D) e Chieti (Girone F, dove c’era anche il Centobuchi poi retrocesso);
2010/11: Santarcangelo (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta 11a a pari punti con Atletico Trivento, Luco Canistro ed Olympia Agnonese) ;
2011/12: Teramo (Girone F, dove c’era anche la Samb giunta seconda a -1 dal Teramo e a pari punti con l’Ancona considerata però terza in quanto peggio messa rispetto ai rossoblu negli scontri diretti);
2012/13: Samb (Girone F).

*= al posto dell’Imola fallito non fu clamorosamente ripescato il Gualdo giunto primo a pari punti e sconfitto dall’Imola stessa nello spareggio promozione ma bensì il Bisceglie che era retrocesso dalla C2. Così il Girone F rimase quell’anno senza promozioni.
°= c’erano 2 promozioni in C2 che spettavano alle prime 2 classificate di ogni girone.

COPPA ITALIA DI SERIE D:
Risultati Semifinali d’andata (27 febbraio) e di ritorno (20 marzo) :
Virtus Castelfranco-Delta Porto Tolle 1-3 ed 1-3
Torre Neapolis (detto anche Turris)-Arezzo 4-2 ed 1-1
In neretto le squadre approdate in finale
Finale in gara unica allo Stadio Renato Curi di Perugia domenica 19 maggio (e non più il 25 aprile come era stato deciso in precedenza):
Delta Porto Tolle-Torre Neapolis

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.727 volte, 1 oggi)