SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Finalmente ci siamo, le gabbie stanno per essere aperte e le “Bestie” sono pronte a uscire. Negli ultimi due anni i Criminal Jokers non si sono fermati un attimo: hanno suonato ovunque e spesso mettendosi al servizio di altri musicisti che li hanno aiutati a crescere e maturare come gli Zen Circus, Nada e Il Pan del Diavolo. Tornano ora, con un album che catalizza l’energia degli esordi e la trasforma in nervi. Lo proporranno all’interno della rassegna Live in da Club al Club 45, il 3 maggio, ore 22.30, in collaborazione con l’associazione Opero Eventi.
I toni di “Bestie” sono cupi, grevi, figli della crisi eppure lontani da qualsiasi accenno all’attualità. Parlano di noi, ma lo fanno guardandosi dentro. Figli biologici del punk rock e dell’indie americano di fine anni ottanta, sono tornati indietro scoprendo la new wave e la psichedelia, il suono è diventato più compatto e la scrittura sembra volere prendere mille strade diverse.

Non a caso la band capitanata da Francesco Motta e Francesco Pellegrini ha ampliato la formazione fino a diventare un quartetto capace di riprodurre dal vivo le sonorità complesse dell’album.

BIOGRAFIA 
I Criminal Jokers nascono a Pisa a metà degli anni zero e sono poco più che ventenni ai giorni nostri. Poche chiacchere rispetto al passato quindi, ma molta sostanza nell’oggi. Nascono come buskers in chiave punk, mutuando strumentazione ed attitudine dai concittadini Zen Circus e quindi da tutto un certo tipo di folk punk americano figlio dei Violent Femmes e dei Cramps.La personalità e la costanza li allontanano presto da influenze “pesanti” e riescono a scrivere una manciata di brani che poco hanno da invidiare – se non nulla – a band piu anziane o blasonate.

L’ingresso del chitarrista Francesco Pellegrini, già tra le fila dei livornesi Walrus, importa nella band la scarica elettrica e new wave che mancava alla base ritmica storica (Francesco Motta e Simone Bettin) per completare la mutazione in una band capace di affrontare il primo disco con la testa alta.

Il disco intitolato “This Was Supposed To Be The Future” esce a fine novembre 2009 per Iceforeveryone/Infecta/Audioglobe ed e’ prodotto artisticamente da Andrea Appino, chitarrista e voce degli Zen Circus appunto, che partendo proprio dal legame stretto che lega questa giovane band alla propria, ha deciso di elettrificare e comprimere il suono fino ad allontanarlo definitivamente dal folk e portarlo nei territori più fumosi della wave che diventa quasi addirittura dark.Complice dietro al mixer anche Manuele “Max Stirner” Fusaroli, produttore di molti fra i dischi di maggior successo della scena indipendente italiana: Le Luci Della Centrale Elettrica, Giorgio Canali, Tre Allegri Ragazzi Morti, Zen Circus, Sikitikis, Redworm’s Farm e molti molti altri.Nel 2012 la band diventa un quartetto e pubblica il secondo lavoro “Bestie”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 159 volte, 1 oggi)