SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Partito Democratico si dissocia dal Partito Democratico. Il segretario comunale Felice Gregori segna le distanze rispetto alle posizioni espresse dalla sezione di Porto d’Ascoli.

Il circolo, intitolato al padre Primo, ha chiesto espressamente all’onorevole offidano Luciano Agostini di negare la fiducia al neonato Governo Letta, ottenendo tuttavia un immediato diniego.

“E’ solo una loro posizione – vuole precisare Gregori – che non rappresenta in alcun modo la maggioranza del partito sambenedettese. Sabato pomeriggio dal dibattito è emersa un’ampia condivisione per l’esecutivo, non perché sia un inciucio con il Pdl bensì per un atto di responsabilità nei confronti del Paese. Ci sono questioni sul tavolo da portare avanti, non ultimo la proroga del fondo integrativo delle casse integrazioni in scadenza. Nella consapevolezza che questo governo non rappresenta la linea del Pd, rimane comunque l’unica via percorribile per stare vicino alle persone più deboli”.

I toni sono duri, Gregori non fatica a definire “irresponsabile” il comportamento dei dissidenti. “Non è il governo che sognavamo, ma dobbiamo offrire delle risposte. L’obiettivo è discutere di quei punti elaborati dal comitato dei saggi di cui il Presidente Napolitano si è fatto promotore”. Non manca infine il monito alla cugina Sabrina, membro dell’assemblea nazionale del partito: “La invito ad attenersi alle linee guida uscite dalla riunione degli iscritti. Al contempo, voglio dare il mio appoggio all’onorevole Agostini nel supportare la sua linea espressa in tale assemblea”.

Sulla linea del segretario Gianluca Pompei, coordinatore della direzione comunale e responsabile dei Giovani Democratici fino al 2012: “Auspico che il Pd voti compattamente la fiducia, è nostra responsabilità garantire un governo in vista di alcune fondamentali scadenze: bisogna rifinanziarie gli ammortizzatori sociali, sciogliere il nodo esodati e scongiurare l’aumento dell’Iva, che produrrebbe un ulteriore avvitamento recessivo della nostra economia. Lo dobbiamo fare nonostante non ci piaccia farlo col Pdl”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 636 volte, 1 oggi)