SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La 33a Giornata (16a di ritorno) di Serie D Girone F è andata in archivio con 7 successi (di cui 2 esterni) e 2 pareggi (di cui uno a reti bianche). 27 (di cui 3 su rigore) le reti messe a segno in questo 33° turno.
Nel turno odierno una tripletta quella realizzata da Simone Miani (Termoli) con cui ha raggiunto Andrea Sivilla (Olympia Agnonese) in testa alla classifica cannonieri con 22 reti a testa.
La notizia più importante è che la Samb battendo in rimonta l’Isernia ad una giornata dalla fine è tornata in testa alla classifica scavalcando di un punto il San Cesareo bloccato a reti bianche a Civitanova. E così i rossoblu di Palladini domenica a Recanati si giocheranno contro la formazione locale (impegnata a difendere sua partecipazione ai play out evitando la retrocessione diretta che vi sarebbe se il distacco attuale di 8 punti dalla 13a aumentasse) il ritorno nei Professionisti e più esattamente in 2a Divisione (ex C2, dove mancano dalla stagione 2001/02).

RISULTATI E MARCATORI DELLA 33A GIORNATA (16A DI RITORNO) DELLA SERIE D GIRONE F DI DOMENICA 28 APRILE 2013
Ancona 1905-Olympia Agnonese 3-4 (1′Ricamato, 10′ Luigi Palumbo [An], 11′Leonetti, 12′Lispi [An], 70’Pizzutelli, 73’Ingari [An], 79’Sivilla);
Celano Marsica-Astrea 2-0 (9’Dema, 73’Valdes. Al 92’espulso De Sanctis del Celano per gioco falloso) ;
Città di Marino-San Nicolò 1-2 (50’Ragatzu su rigore, 86’Laghigna [C.d.M.], 92′ Chicco su rigore.
Espulsi: al 56′ l’allenatore del San Nicolò Edmondo De Amicis per proteste ed all’83’Simboli del Marino per condotta ritenuta violenta) ;
Civitanovese-San Cesareo 0-0 (Espulsi: al 45′ Ekani della Civitanovese, rosso diretto per fallo di reazione ed all’81’ il tecnico della Civitanovese Cornacchini per proteste) ;
Fidene-Amiternina 1-1 (18’Raso [F],21’Pedalino [A]) ;
Maceratese-Jesina 2-1 (35′ Melchiorri, 45′ Negro su rigore, 90′ Sebastianelli [J]. Al 5′ Stefanelli della Jesina sbagliava un rigore parato dall’estremo locale Marani. Al 44′ espulso Marotta della Jesina per fallo da ultimo uomo nell’azione da cui è scaturito il rigore del 2-0.);
Samb-Isernia 3-2 (24′ Capuozzo [I], 35’Quondamatteo, 47′ Mattia Santoni, 48’Guglielmi [I], 72′ Marini) ;
Termoli-Renato Curi Angolana 3-1 (39′, 77′ ed 88’Simone Miani, 90′ De Matteis [R.C.A.]) ;
Vis Pesaro-Recanatese 1-0 (39’Cremona. All’82’espulso Brugiapaglia della Recanatese per doppia ammonizione).

CLASSIFICA : Samb 68 ,San Cesareo 67, Termoli 65, Maceratese 63, Vis Pesaro 57, Ancona 1905 53, Olympia Agnonese 52, Astrea 47, Jesina 43, Fidene 40, Civitanovese 39, Renato Curi Angolana ed Amiternina 37, Isernia 35, Celano Marsica 32, Recanatese 29, San Nicolò ^ 22, Città di Marino ^ 20.
^= retrocesse matematicamente e direttamente in Eccellenza da una giornata.

Manca una giornata al termine ma se fosse finito oggi il campionato sarebbe così:
Samb promossa in 2a Divisione Lega Pro.

Semifinali Play Off in gara unica: San Cesareo -Vis Pesaro e Termoli-Maceratese.

Play Out con gare di andata (in casa della peggio classificata) e ritorno (a campi invertiti) Recanatese-Amiternina e Celano Marsica-Isernia.
Renato Curi Angolana (pur essendo attualmente 12a a pari punti con l’Amiternina è meglio messa negli scontri diretti) sarebbe salva .

Città di Marino e San Nicolò già matematicamente e direttamente retrocesse in Eccellenza.

Ipotesi Promozione: è una corsa a 3 Samb, San Cesareo e matematica alla mano anche Termoli.
-Se la Samb vince a Recanati chiuderebbe tutti i discorsi e giochi ipotizzabili.
-Se pareggia taglierebbe fuori il Termoli e dovrebbe sperare che il San Cesareo non batta il Celano.
-Se perde ed il San Cesareo pareggia è spareggio con i romani se il Termoli non vince altrimenti ci sarebbe lo spareggio promozione con i molisani, con il San Cesareo tagliato fuori (in quanto peggio messo rispetto ai molisani negli scontri diretti e con i rossoblu di Palladini a parità di scontri diretti, peggio messo come differenza reti).
Dunque riassumendo il San Cesareo è promosso solo se vince e nello stesso tempo la Samb perde o pareggia.
Mentre il Termoli nella migliore e più rocambolesca delle ipotesi può aspirare solo ad uno spareggio con la Samb.

Spieghiamo ora la situazione della Recanatese prossima avversaria della Samb. I leopardiani sono a -8 (distacco minimo per disputare play out) dalla 13a (Amiternina a pari punti con l’Angolana ma peggio messa rispetto ai pescaresi negli scontri diretti). Dunque il suo distacco per disputare play out non può aumentare.
Ipotesi:
-Se Angolana (in casa con la Civitanovese che però non è ancora matematicamente salva) ed Amiternina (gara interna che appare scontata col fanalino di coda Città di Marino) vincono salirebbero a 40 lasciando Civitanovese a 39 ed a quel punto Recanatese sarebbe costretta anch’essa a fare i 3 punti per evitare retrocessione diretta.
-Dando per scontato che l’Amiternina vinca in caso di pareggio dell’Angolana anche la Recanatese dovrebbe quanto meno pareggiare per mantenere il distacco a -8.
-Insomma la Recanatese può permettersi di perdere solo se perdono anche una tra Amiternina (ipotesi improbabile visto l’avversario già retrocesso) e Renato Curi.
Se il distacco della Recanatese supererà gli 8 punti naturalmente Amiternina ed Angolana sarebbero entrambe salve.

Diversa invece la situazione del Celano che attende i play out avendo già messo al sicuro la sua posizione ieri battendo l’Astrea. I marsicani infatti non possono nell’ultimo turno ne migliorare ne peggiorare la propria situazione. Perchè se anche vincessero agganciando l’Isernia (se perderà in casa col Fidene cosa improbabile essendo i romani già praticamente salvi) a quota 35 sarebbero dietro i molisani in quanto messi peggio negli scontri diretti.
Se invece dovessero come da pronostico perdere e la Recanatese dovesse a sorpresa vincere verrebbero agganciati dai leopardiani ma gli resterebbero davanti nella griglia play out in quanto pur essendo pari anche negli scontri diretti hanno una migliore differenza reti.

Non del tutto remota anche la possibilità che l’Isernia eviti i play out conquistando la salvezza diretta. Infatti se come possibile i molisani dovessero vincere la gara interna col Fidene dovrebbero poi sperare nella concomitante sconfitta o nei pareggi di Amiternina e Renato Curi se la Recanatese facesse punti.
Ma in caso la Recanatese perdesse come da pronostico all’Isernia basterebbe vincere e sperare che una tra Amiternina ed Angolana (più probabile visto l’avversario) perda o pareggi per scavalcarla o agganciarla (a pari punti è meglio messa negli scontri diretti) salvandosi senza disputare play out.

PROSSIMO TURNO, 34a ed ultima Giornata (17a di Ritorno) di Domenica 5 maggio 2013 ore 15:
Amiternina-Città di Marino (All’andata 1-3) ; Astrea-Ancona 1905 (1-2) ; Isernia-Fidene (0-3) ; Jesina-Vis Pesaro (0-1) ; Olympia Agnonese-Maceratese (2-2) ; Recanatese-Samb (0-2) ; Renato Curi Angolana-Civitanovese (1-0) ; San Cesareo-Celano (4-2) ; San Nicolò-Termoli (1-0) .

All’andata al Riviera è finita 2-0 (21′ e 49′ Pazzi) per la Samb. Anche la scorsa stagione Recanatese e Samb si affrontarono all’ultima giornata ma a campi invertiti ossia al Tubaldi di Recanati si giocò alla 17a d’andata e finì sempre all’inglese 0-2 (3′ Napolano, 14′ Pazzi) per i rossoblu di Palladini che conclusero poi Regolar Season battendo di nuovo i leopardiani alla 34a stavolta tra le mura amiche del Riviera per 3-2 (6′ Voinea [o autorete del portiere ospite Ripa], 26′ Napolano, 27′ Chicco [R], 51′ Voinea, 70′ Chicco [R]) .

CLASSIFICA CANNONIERI:
In testa alla classifica marcatori ci sono Simone Miani (3 rigori trasformati) del Termoli ed Andrea Sivilla (2 rigori trasformati) dell’Olympia Agnonese con 22 gol a testa.
Alle loro spalle troviamo Melchiorri della Maceratese con 21 gol.
Completano attuale podio Di Iorio dell’Astrea e Tajarol del San Cesareo con 17 reti a testa .
Alle loro spalle vi sono Bartolini del Termoli ed Artiaco (9 con la maglia dell’Isernia e 7 con quella dell’Ancona 1905) con 16 gol ciascuno.
Poi c ‘è Napolano (2 rigori trasformati ) della Samb con 15 centri .
Segue Stefanelli della Jesina con 14 reti.
A seguire Pazzi (3 rigori trasformati) e Shiba della Samb e Pedalino dell’Amiternina con 13 gol ciascuno.
Dietro di loro troviamo Cremona della Vis Pesaro e Siclari del San Cesareo con 12 centri a testa.
Quindi troviamo Keita dell’Olympia Agnonese con 11 reti .
Seguono Galli della Civitanovese e Lazzarini del Celano Marsica con 10 centri ciascuno.
Poi troviamo Delgado del San Cesareo ed Orta della Maceratese con 9 reti ciascuno .
A seguire D’Angelo del Termoli e Raso del Fidene con 8 gol a testa.
A seguire Biso della Civitanovese, Borrelli e Ruffini dell’Ancona 1905, Carboni della Maceratese, De Matteis e Ferraresi della Renato Curi Angolana, Dema del Celano Marsica, Tommaso Gabrielloni della Jesina, Giuntoli, Mollo e Simonetta dell’Astrea, Iacoponi della Recanatese , Leonetti e Ricamato dell’Olympia Agnonese e Ragatzu del San Nicolò con 7 centri ciascuno.

Seguono poi Cavallaro dell’Ancona 1905, l’argentino Molinari (poi passato al Taranto) dell’Amiternina, Pagliuca e Vespa della Renato Curi Angolana, Pizzutelli dell’Olympia Agnonese, Davide Traini della Samb, Vicini della Vis Pesaro e Covelli (3 con la maglia del Fidene e 3 con quella della Civitanovese) con 6 reti a testa .

Poi vi sono Bugaro, Di Carlo e Lorenzo Paoli della Vis Pesaro, Carpani della Samb, Casimirri e Pirro (poi passato alla Fermana in Eccellenza Marche) del Città di Marino, Del Vecchio ed Emanuele Mancini del San Cesareo, Alessandro Gabrielloni e Sebastianelli della Jesina, Franco Gigli della Recanatese, Iaboni e Panico (poi passato al Turris Santa Croce) dell’Isernia, Negro e Piergallini della Maceratese, Selva e Giovanni Sorrentino del Fidene, Costantino (3 con la maglia del San Nicolò e 2 con quella dell’Amiternina) e Gabrieli (2 con la maglia della Jesina e 3 con quella del San Nicolò) con 5 gol ciascuno.

Poi troviamo Ambrosini (poi svincolato e passato al Teramo in 2a Divisione Lega Pro) dell’Ancona 1905, Capparella (poi svincolato), Padovani e Paris del San Nicolò, Di Mercurio del Termoli, Forgione e Mattia Santoni della Samb, Guglielmi dell’Isernia, La Vista della Civitanovese, Laghigna del Città di Marino, Prevete del Fidene, Federico Rossini della Vis Pesaro e Valdes del Celano Marsica con 4 reti a testa.

Alle loro spalle abbiamo Bellini e Ramacci dell’Astrea, Bocchino dell’Amiternina, Capuozzo e Fazio dell’Isernia, Cavaliere e Palmieri della Recanatese, Olcese dell’Ancona 1905, Cianni e Stefano Mandorino del Termoli, Crescenzo, Hrustic e Mucciarelli del San Cesareo, D’Aniello della Jesina, De Marco ed Emiliano Dominici del Fidene, Romanski della Maceratese e Luigi Palumbo (2 con la maglia dell’Isernia ed uno con quella dell’Ancona 1905) con 3 gol ciascuno
.
Dietro di loro ci sono Alvino, Eramo, Labriola, Lispi, Martino, Sparvoli e Michael Traini dell’Ancona 1905, Antonelli del Celano Marsica, Bassini, Fusaroli del Fidene, Berardi, Gizzi e Varchetta dell’Amiternina, Cadaleta, Di Lollo, Stefano Mancini e Pifano dell’Olympia Agnonese, Caravaglio, Falco e Viteritti del Termoli, Nicola Cardinali e Leonardo Rossini della Jesina, Ciaramelletti, Giovanni Esposito, Mirante, Pignalosa, Quadrini e Singleton del Città di Marino, Coccia, De Santis e Troccoli del San Nicolò, D’Ancona e Musilli della Renato Curi Angolana, Di Marino ed Alessandro Rossi della Recanatese, Djibo, Ianni e Marini della Samb, Ekani, Nardone e Mattia Ridolfi della Civitanovese, Fazi e La Rosa del San Cesareo, Mania dell’Astrea, Paganelli ed Alberto Torelli della Vis Pesaro, Vinciguerra dell’Isernia e Chicco (uno con la maglia del Fidene ed uno con quella del San Nicolò) con 2 centri a testa.

Seguono Aquino, Camilli, Carminucci, Puglia e Quondamatteo della Samb, Arcolai, Eliczietta, Lattanzi e Russo della Maceratese, Luca Bellucci, Bricca, Gramacci ed Ingari dell’Ancona 1905, Bianchi, Coppola, De Giambattista, Fusaro (poi passato al Termoli), Galuppi, Lunardo, Maiorano, Mingione e Nicolai dell’Isernia, Briotti, Navarra, Pentassuglia e Lorenzo Sorrentino dell’Astrea, Cancelli, Ferrante, Forlano, Iommarini e Ligocki della Renato Curi Angolana, Carnevali, Frulla, Marotta, Sartori, Strappini e Tafani della Jesina, Colombo, Congiu, Valerio Esposito, Gigliotti (poi passato al Gimigliano) , Christian Scarlato e Simboli del Città di Marino, De Paolis, Sabatino e Vona del San Cesareo, Di Lullo, Felici, Maglione, Raffaele Moretti, Panariello e Spagna del Termoli, Fuschi , Granaiola, Luzi, Salvati, Terlino e Graziano Villa del Celano Marsica, Garcia, Latini, Andrea Miani (poi svincolato), Pagliardini (poi svincolato e tornato ad Urbania) e Patrizi della Recanatese e Guerriero del San Nicolò, Dawid Lenart, Lukasz Lenart, Moauro, Perfetti, Petrone e Rotariu dell’Amiternina, Nicola Moretti, Ravasi e Sensi della Civitanovese, Orlando, Litterio e Scampamorte (poi passato alla Renato Curi Angolana) dell’Olympia Agnonese, Pirelli e Scippa del Fidene e Giacomo Ridolfi e Giorgio Torelli della Vis Pesaro, tutti con un gol ciascuno.
Autoreti: Berardi (Amiternina) pro Jesina, Bonanno (Termoli) pro Fidene, Del Grosso (Ancona 1905) pro Termoli , De Sanctis (Celano Marsica) pro Isernia, Di Berardino (Olympia Agnonese) pro Termoli, Di Fiordo (Astrea) pro Samb, Di Marino (Recanatese) pro Termoli, Giovanni Esposito (Città di Marino) pro Ancona 1905, Frulla (Jesina) pro Maceratese ; Gialloreto (San Nicolò) pro Ancona 1905, Kalambay (Città di Marino) pro San Cesareo, Mania (Astrea) pro Samb, Rachini (Recanatese) pro Olympia Agnonese, Raso (Fidene) pro San Nicolò e Scartozzi (Samb) pro San Cesareo

STATISTICHE NEL DETTAGLIO SERIE D GIRONE F DOPO LA 33A GIORNATA :
POSITIVE:
Non ci sono più squadre imbattute ne in senso assoluto, ne in casa e ne in trasferta .
Più lunga e dunque migliore striscia positiva stagionale e migliore serie positiva in corso: Termoli con 11 risultati utili consecutivi (8 successi e 3 pareggi) .
Più lunga e dunque migliore serie di vittorie consecutive stagionale: Samb (dalla 14a Giornata alla 19a) e San Cesareo (dalla 5a giornata alla 10a) con 6 successi consecutivi a testa.
Maggior numero di vittorie consecutive in corso: Maceratese e Vis Pesaro con 2 successi consecutivi a testa.
Non subisce gol da più partite: Vis Pesaro (187 minuti complessivi) da 2 gare consecutive.
Miglior attacco: Samb con 73 reti (di cui 5 su rigore, 46 in casa e 27 in trasferta) segnate con 15 diversi elementi: Aquino (1), Camilli (1), Carminucci (1), Carpani (5), Djibo (2), Forgione (4), Ianni (2), Marini (2), Napolano (15, di cui 2 su rigore), Pazzi (13, di cui 3 su rigore) , Puglia (1), Quondamatteo (1), Mattia Santoni (4), Shiba (13) e Davide Traini (6). Ai 15 diversi marcatori rossoblu vanno aggiunte le autoreti di Di Fiordo (Astrea) e Mania (Astrea).
Miglior difesa: Vis Pesaro con 22 reti subite (sarebbero 23 se non fosse stata resa nulla la partita Ancona-Vis Pesaro vinta sul campo dai dorici per 1-0 ma poi trasformata in 0-3 a tavolino per i vissini).
Migliore differenza reti : Samb con un +39 (73-34).
Maggior numero di vittorie: Samb e San Cesareo con 20 successi a testa.
Minor numero di sconfitte: Samb con 5 ko (0-1 interno con l’Amiternina alla 2a Giornata, 2-1 a Termoli all’11a, 2-0 a Città Sant’Angelo alla 21a o 4a di ritorno che dir si voglia, 3-2 sul campo dell’Astrea alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia e 2-0 a Pesaro alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia) .
Maggior numero di pareggi: Celano Marsica con 14 pari .
Maggior numero di punti in casa: Samb con 40, frutto di 12 successi , 4 pareggi ed un ko.
Maggior numero di punti in trasferta : San Cesareo con 32, frutto di 9 successi, 5 pareggi e 3 ko .
La squadra finora a segno col maggior numero di giocatori è l’Ancona 1905 con 18 diversi elementi: Alvino (2), Ambrosini (4-poi svincolato e passato al Teramo in 2a Divisione Lega Pro), Artiaco (6), Luca Bellucci (1), Borrelli (7), Bricca (1), Cavallaro (5), Eramo (2), Gramacci (1), Ingari (1), Labriola (2), Lispi (2), Martino (2), Olcese (3), Luigi Palumbo (1), Ruffini (7), Sparvoli (2) e Michael Traini (2). Ai 18 diversi marcatori dorici vanno aggiunte le autoreti di Gialloreto (San Nicolò) e di Giovanni Esposito (Città di Marino).
Minor numero di Espulsioni: Olympia Agnonese con 3 soli cartellini rossi rimediati.
Minor numero di Ammonizioni: Olympia Agnonese con 60 cartellini gialli rimediati.
Migliore media inglese: San Cesareo con +2.

NEGATIVE:
Più lunga e dunque peggiore striscia negativa stagionale è stata del Città di Marino con 9 ko consecutivi (dalla 18a Giornata alla 26a).
Peggior serie negativa in corso: Città di Marino con 4 ko consecutivi.
Non segna da più partite: Recanatese (342 minuti complessivi) da 3 gare consecutive.
Maggior numero di sconfitte : Città di Marino con 23 ko .
Minor numero di vittorie: Città di Marino e San Nicolò con 5 successi a testa.
Minor numero di pareggi: Città di Marino con 5 pari .
Peggior difesa:Città di Marino con 75 reti incassate.
Peggior attacco: Recanatese con 27 reti realizzate.
Peggior differenza reti: Città di Marino con un -43 (32-75) .
Minor numero di punti tra le mura amiche : San Nicolò a quota 10, frutto di 2 successi, 4 pareggi e 10 ko.
Minor numero di punti esterni: Città di Marino a quota 8, frutto di 2 successi, 2 pari e 12 ko.
Maggior numero di espulsioni (di giocatori): Città di Marino con 17 cartellini rossi rimediati.
Maggior numero di ammonizioni:Civitanovese con 120 cartellini gialli rimediati.
Peggior media inglese: Città di Marino con un -47.

SCONTRI DIRETTI ALTA CLASSIFICA: Nella speciale classifica degli scontri diretti tra le prime 5 squadre ( Samb, San Cesareo, Termoli, Maceratese e Vis Pesaro ) del torneo chiude in testa il Termoli con 18 punti frutto di 5 successi (3-0 interno col San Cesareo alla 2a giornata, 1-2 a Pesaro alla 10a, 2-1 interno alla Samb all’11a, 0-5 sul campo del San Cesareo alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia e 3-2 interno con la Vis Pesaro alla 27a o 10a di ritorno che dir si voglia) e 3 pareggi (tutti per 1-1, 2 volte con la Maceratese: interno alla 6a giornata e a Macerata alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia ed una con la Samb in trasferta alla 28a o 11a di ritorno che dir si voglia).
Segue la Maceratese con 13 punti frutto di 3 successi (0-1 a Pesaro alla 2a Giornata, 2-1 interno col San Cesareo alla 13a ed 1-3 sul campo dello stesso San Cesareo alla 30a o 13a di ritorno che dir si voglia) , 4 pareggi (1-1 a Termoli alla 6a giornata , 0-0 interno con la Vis Pesaro alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia, 1-1 interno col Termoli alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia e 2-2 a San Benedetto del Tronto alla 24a o 7a di ritorno che dir si voglia) ed un ko (0-3 sempre interno con la Samb alla 7a Giornata).
Poi troviamo la Samb con 10 punti frutto di 2 successi (0-3 a Macerata alla 7a giornata e 2-0 interno con la Vis Pesaro alla 15a), 4 pareggi (1-1 sul campo del San Cesareo alla 3a giornata, 3-3 interno col San Cesareo alla 20a o 3a di ritorno che dir si voglia, 2-2 ancora interno con la Maceratese alla 24a o 7a di ritorno che dir si voglia ed 1-1 sempre interno col Termoli alla 28a o 11a di ritorno che dir si voglia) e 2 ko (2-1 a Termoli all’11a giornata e 2-0 a Pesaro alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia).
Quindi c’è la Vis Pesaro con 7 punti frutto di 2 successi (2-0 interno col San Cesareo alla 26a o 9a di ritorno che dir si voglia ed altro 2-0 interno stavolta con la Samb alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia), un pareggio (0-0 a Macerata alla 19a Giornata o 2a di ritorno che dir si voglia) e 5 ko (0-1 interno con la Maceratese alla 2a Giornata, 2-0 sul campo del San Cesareo alla 9a , 1-2 interno col Termoli alla 10a, 2-0 a San Benedetto del Tronto alla 15a e 3-2 a Termoli alla 27a o 10a di ritorno che dir si voglia).
Chiude questa particolare classifica il San Cesareo con soli 5 punti frutto di un successo (2-0 interno con la Vis Pesaro alla 9a Giornata), 2 pareggi (1-1 interno con la Samb alla 3a giornata e 3-3 sul campo della stessa Samb alla 20a o 3a di ritorno che dir si voglia) e 5 ko (3-0 a Termoli alla 2a giornata, 2-1 a Macerata alla 13a, 0-5 interno col Termoli alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia, 2-0 a Pesaro alla 26a o 9a di ritorno che dir si voglia ed 1-3 interno con la Maceratese alla 30a o 13a di ritorno che dir si voglia) .

STATISTICHE SAMB:
Vittorie:20 (Con San Nicolò, Renato Curi Angolana, Astrea, Maceratese, Jesina, Celano Marsica, Civitanovese, Città di Marino, Vis Pesaro, Isernia, Recanatese, di nuovo col San Nicolò , poi con Amiternina ed Olympia Agnonese e di nuovo con Jesina, Celano e Civitanovese, poi con Fidene e di nuovo con Città di Marino ed Isernia).
Pareggi: 8 (con San Cesareo, Olympia Agnonese, Ancona 1905, Fidene, di nuovo col San Cesareo, poi con la Maceratese, di nuovo con l’Ancona 1905, poi col Termoli)
Sconfitte:5 (con Amiternina, Termoli, Renato Curi Angolana, Astrea e Vis Pesaro)
Gol fatti: 73 (46 in casa e 27 in trasferta) con 15 diversi marcatori : Aquino (1), Camilli (1), Carminucci (1), Carpani (5), Djibo (2), Forgione (4), Ianni (2), Marini (2), Napolano (15, di cui 2 su rigore), Pazzi (13, di cui 3 su rigore) , Puglia (1), Quondamatteo (1), Mattia Santoni (4), Shiba (13) e Davide Traini (6). Ai 15 diversi marcatori rossoblu vanno aggiunte le autoreti di Di Fiordo (Astrea) e Mania (Astrea).
Gol subiti: 34 (18 in casa e 16 in trasferta).
Differenza reti: +39 (73-34).
Capocannoniere: Giordano Napolano con 15 reti (2 rigori trasformati) .
Punti interni: 40 (su 17 gare casalinghe): 12 successi , 4 pareggi ed un ko
Punti esterni: 28 (su 16 gare in trasferta): 8 successi, 4 pareggi e 4 ko.
Espulsioni (di giocatori): 8 (Carminucci, Forgione, Guglielmi [poi svincolato e passato all’Isernia], Ianni [direttamente dalla panchina], Napolano [2], Pazzi e Puglia).
Ammonizioni:87.
Media inglese: +1.

Statistiche RECANATESE (prossimo avversario della Samb) :
Vittorie: 6 (Con Renato Curi Angolana, Vis Pesaro, Astrea, Ancona 1905, Celano Marsica e Città di Marino)
Pareggi: 11 (Con Amiternina, Isernia, San Nicolò, Ancona 1905, Civitanovese, Fidene, di nuovo con Isernia, poi con Renato Curi Angolana, Jesina e Maceratese e di nuovo col Fidene)
Sconfitte: 16 (Con Astrea, San Cesareo, Jesina, Olympia Agnonese, Maceratese, Celano, Città di Marino, Termoli, Samb, Amiternina, San Nicolò, di nuovo con San Cesareo ed Olympia Agnonese, poi con Civitanovese, di nuovo col Termoli e poi con Vis Pesaro)
Gol fatti: 27 (17 in casa e 10 fuori) con 11 diversi elementi: Cavaliere (3), Di Marino (2), Garcia (1), Franco Gigli (5), Iacoponi (7), Latini (1), Andrea Miani (1, poi svincolato), Pagliardini (1, poi svincolato e tornato ad Urbania), Palmieri (3), Patrizi (1) ed Alessandro Rossi (2).
Gol subiti: 49 (25 in casa e 24 fuori)
Differenza reti: -22 (27-49).
Capocannoniere: Roberto Iacoponi con 7 gol .
Punti interni: 17 (su 16 gare casalinghe): 4 successi, 5 pareggi e 7 ko .
Punti esterni: 12 (su 17 gare in trasferta): 2 successi, 6 pareggi e 9 ko.
Espulsioni (di giocatori): 9
Ammonizioni: 95 .
Media inglese: -36.
La Recanatese è una squadra di Recanati (Macerata). La scorsa stagione sempre in Serie D Girone F giunse 10a con 45 punti. La formazione di Mirco Omiccioli (che ha rilevato all’11a giornata l’esonerato Francesco Baldarelli) è attualmente 16a e dunque terzultima con 29 punti. In questo torneo ha avuto complessivamente un andamento assai negativo e discontinuo dando poche volte l’impressione di poter uscire concretamente dalla zona play out ma anzi rischia perfino di prendere un distacco troppo elevato (cioè superiore agli attuali 8) dalla 13a così da non poter disputare i play out e retrocedere direttamente come le ultime 2 classificate .
In generale la compagine giallo-rossa ha raccolto finora 6 successi (1-2 a Città Sant’Angelo alla 3a Giornata, 2-1 interno con la Vis Pesaro alla 16a, altro 2-1 interno stavolta con l’Astrea alla 22a o 5a di ritorno che dir si voglia, 2-0 interno con l’Ancona alla 26a o 9a di ritorno che dir si voglia, 0-1 a Celano alla 29a o 12a di ritorno che dir si voglia ed 1-0 interno col Città di Marino alla 30a o 13a di ritorno che dir si voglia), 11 pareggi (1-1 a Scoppito alla 1a Giornata, 3-3 interno con l’Isernia alla 2a, 0-0 sempre interno col San Nicolò alla 4a, 1-1 ad Ancona alla 9a, altro 1-1 stavolta a Civitanova all’11a, 0-0 sul campo del Fidene alla 15a, altro 0-0 stavolta ad Isernia alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia, 1-1 interno con l’Angolana alla 20a o 3a di ritorno che dir si voglia, altro 1-1 interno stavolta con la Jesina alla 24a o 7a di ritorno che dir si voglia, ancora un 1-1 stavolta a Macerata alla 27a o 10a di ritorno che dir si voglia e 0-0 interno col Fidene alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia) e 16 ko (2-1 sul campo dell’Astrea alla 5a Giornata, 1-3 interno col San Cesareo alla 6a, 4-1 a Jesi alla 7a, 0-3 interno con l’Agnonese all’8a, 0-2 sempre interno con la Maceratese alla 10a, 0-1 ancora interno col Celano alla 12a, 2-1 a Marino alla 13a, 2-3 interno col Termoli alla 14a, 2-0 a San Benedetto del Tronto alla 17a, 1-2 interno con l’Amiternina alla 18a o 1a di ritorno che dir si voglia, 1-0 sul campo del San Nicolò alla 21a o 4a di ritorno che dir si voglia, 2-0 sul campo del San Cesareo alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia, 3-0 ad Agnone alla 25a o 8a di ritorno che dir si voglia, 1-4 interno con la Civitanovese alla 28a o 11a di ritorno che dir si voglia, 2-0 a Termoli alla 31a o 14a di ritorno che dir si voglia ed 1-0 a Pesaro alla 33a o 16a di ritorno che dir si voglia).
Nell’attuale Coppa Italia di Serie D i leopardiani dopo aver passato il Turno Preliminare vincendo 1-2 a Macerata sono stati eliminati al 1° turno perdendo 3-2 ai rigori ad Ancona dopo che i 90′ regolamentari si erano chiusi sullo 0-0.

Statistiche SAN CESAREO (Principale antagonista Samb) :
Vittorie: 20 (Con Città di Marino, Isernia, Recanatese, San Nicolò, Amiternina,Vis Pesaro, Renato Curi Angolana , Astrea, Jesina, Ancona 1905, Civitanovese, Celano Marsica, di nuovo con Città di Marino, Recanatese, San Nicolò, Amiternina e Renato Curi Angolana, poi con Olympia Agnonese e di nuovo con Astrea e Jesina)
Pareggi: 7 (Con Samb, Fidene, Olympia Agnonese, di nuovo con Samb e Fidene e poi con Isernia e Civitanovese)
Sconfitte: 6 (Con Termoli , Maceratese, di nuovo col Termoli, poi con Vis Pesaro, di nuovo con la Maceratese e poi con l’Ancona 1905).
Gol fatti: 66 (31 in casa e 35 fuori) con 13 diversi elementi: Crescenzo (3), De Paolis (1) , Delgado (9), Del Vecchio (5), Fazi (2), Hrustic (3), La Rosa (2), Emanuele Mancini (5), Mucciarelli (3), Sabatino (1), Siclari (12), Tajarol (17) e Vona (1). Ai 13 diversi marcatori rossoblu vanno aggiunte le autoreti di Kalambay (Città di Marino) e Scartozzi (Samb).
Gol subiti: 41 (19 in casa e 22 fuori).
Differenza reti: +25 (66-41).
Capocannoniere: Stefano Tajarol con 17 reti all’attivo.
Punti interni: 35 (su 16 gare casalinghe): 11 successi, 2 pareggi e 3 ko.
Punti esterni: 32 (su 17 gare in trasferta): 9 successi, 5 pareggi e 3 ko.
Espulsioni (di giocatori): 4
Ammonizioni: 78 .
Media inglese:+2.
Il San Cesareo è una squadra dell’omonimo paese in provincia di Roma neopromossa in Serie D avendo la scorsa stagione vinto il Campionato d’Eccellenza Lazio Girone B. La formazione di Fabrizio Ferazzoli (fratello di Giuseppe tecnico dell’Astrea ed ex centrocampista di Como, Taranto, Piacenza [con cui giocò anche in Serie A], Avellino, Pescara ecc. I due fratelli possiedono assieme un bar nel quartiere Talenti di Roma) è attualmente 2a in classifica con 67 punti a -1 dalla Samb (68). Finora la compagine romana ha avuto un buon andamento a parte il pesante ko interno (0-5) di 15 domeniche fa col Termoli, con 6 battute d’arresto , 7 pareggi e vincendo 20 partite su 33. In generale la squadra rosso-blu ha raccolto finora nel dettaglio 20 successi (4-1 interno col Città di Marino alla 1a Giornata, 2-0 interno all’Isernia alla 5a, 1-3 a Recanati alla 6a, altro 2-0 interno stavolta al San Nicolò alla 7a, 0-2 sul campo dell’Amiternina all’8a, ancora un 2-0 interno stavolta alla Vis Pesaro alla 9a, 0-5 a Città Sant’Angelo alla 10a, 2-1 interno ai cugini dell’Astrea alla 12a, 4-2 sempre interno alla Jesina alla 14a, 2-4 ad Ancona alla 15a, altro 2-1 interno stavolta alla Civitanovese, altro 2-4 esterno stavolta a Celano alla 17a, 1-2 a Marino alla 18a o 1a di ritorno che dir si voglia, 2-0 interno con la Recanatese alla 23a o 6a di ritorno che dir si voglia, 2-4 sul campo del San Nicolò alla 24a o 7a di ritorno che dir si voglia, altro 2-0 interno stavolta con l’Amiternina alla 25a o 8a di ritorno che dir si voglia, di nuovo un 2-0 interno , stavolta con l’Angolana alla 27a o 10a di ritorno che dir si voglia, poi un 3-2 sempre interno con l’Agnonese alla 28a o 11a di ritorno che dir si voglia, 1-2 sul campo dei cugini dell’Astrea alla 29a o 12a di ritorno che dir si voglia e 0-2 a Jesi alla 31a o 14a di ritorno che dir si voglia) , 7 pareggi (1-1 interno con la Samb alla 3a Giornata, 2-2 sul campo del Fidene alla 4a, 1-1 ad Agnone all’11a, 3-3 a San Benedetto del Tronto alla 20a o 3a di ritorno che dir si voglia, 1-1 interno col Fidene alla 21a o 4a di ritorno che dir si voglia, 0-0 ad Isernia alla 22a o 5a di ritorno che dir si voglia ed altro 0-0 stavolta a Civitanova alla 33a o 16a di ritorno che dir si voglia) e 6 ko (3-0 a Termoli alla 2a Giornata, 2-1 a Macerata alla 13a, 0-5 interno col Termoli alla 19a o 2a di ritorno che dir si voglia, 2-0 a Pesaro alla 26a o 9a di ritorno che dir si voglia, 1-3 interno con la Maceratese alla 30a o 13a di ritorno che dir si voglia ed 1-2 sempre interno con l’Ancona alla 32a o 15a di ritorno che dir si voglia). In Coppa Italia invece ha passato il turno preliminare pareggiando 1-1 e poi vincendo 5-3 ai rigori in casa il derby romano con il Palestrina San Basilio (Serie D Girone G), il 1° turno liquidando con un 5-2 interno i viterbesi del Flaminia Civita Castellana (Serie D Girone E) i trentaduesimi di finale vincendo (3-4) ai rigori dopo l’1-1 dei tempi regolamentari sul campo del Gladiator (Serie D Girone H) ed i sedicesimi vincendo 3-0 a tavolino la gara interna con la Casertana (militante in Serie D Girone G, punita per aver schierato il centrale difensivo Astarita che doveva finir di scontare una squalifica) , gara che i romani avevano perso per 1-3 sul campo. L’eliminazione è poi arrivata agli ottavi perdendo per 3-1 sul campo del Monospolis (ex Monopoli calcio, militante in Serie D Girone H).

Queste le 9 squadre dei rispettivi Gironi di Serie D già promosse in 2a Divisione o in testa al proprio Girone ad una giornata dalla fine:
Girone A :Bra ;
Girone B (a 20 squadre) : Pergolettese ;
Girone C (a 20 squadre) : Delta Porto Tolle ;
Girone D: Tuttocuoio ;
Girone E: Castel Rigone * (ha un punto di vantaggio sul Casacastalda e 3 sulla Viterbese);
Girone F: Samb * (ha un punto di vantaggio sul San Cesareo e 3 sul Termoli) ;
Giroone G: Torres (da non confondere con il Porto Torres facente parte dello stesso girone) ;
Girone H: Ischia Isolaverde;
Girone I: Messina * (ha 3 punti di vantaggio sul Cosenza e da non confondere col Città di Messina facente parte dello stesso girone ).
*= squadre in testa al proprio Girone ma non ancora matematicamente promosse
In neretto le squadre già matematicamente promosse
Le 9 vincitrici dei rispettivi gironi si giocheranno poi lo Scudetto Dilettanti

COPPA ITALIA DI SERIE D:
Risultati Semifinali d’andata (27 febbraio) e di ritorno (20 marzo) :
Virtus Castelfranco-Delta Porto Tolle 1-3 ed 1-3
Torre Neapolis (detto anche Turris)-Arezzo 4-2 ed 1-1
In neretto le squadre approdate in finale
Finale in gara unica allo Stadio Renato Curi di Perugia a data da destinarsi (e non più il 25 aprile come era stato deciso in precedenza):
Delta Porto Tolle-Torre Neapolis

Ecco il quadro Nazionale aggiornato di tutte le squadre che hanno vinto o sono in testa ai propri campionati regionali d’Eccellenza e sono dunque approdate o stanno approdando in Serie D:
Abruzzo : Sulmona
Basilicata: Real Metapontino
Calabria: Nuova Gioiese
Campania: Progreditur Marcianise (Nel Girone A) e Torrecuso (Nel Girone B )
Emilia Romagna: Lupa Piacenza (Girone A) e Romagna Centro (Girone B, raggruppamento nel quale il Real Rimini si è ritirato)
Friuli Venezia Giulia: Fincantieri Monfalcone *
Lazio: Nuova Santa Maria delle Mole * (Girone A) e Terracina * (Girone B )
Liguria: Vado
Lombardia (unica regione che ha tre gironi d’Eccellenza): Inveruno (Girone A), Giana Erminio (Girone B) e Palazzolo * (Girone C)
Marche: Matelica
Molise: Bojano
Piemonte e Valle D’Aosta (unica regione che non ha un proprio girone d’Eccellenza): Borgomanero (Girone A) ed Albese (Girone B)
Puglia: San Severo *
Sardegna: Olbia
Sicilia: Akragas (Girone A ) ed Orlandina (Girone B)
Toscana: Jolly Montemurlo (Girone A) ed Olimpia Colligiana (Girone B).
Trentino Alto Adige: Dro *
Umbria: Narnese
Veneto: Marano (Girone A) e Vittorio Falmec (Girone B).
In neretto le squadre già matematicamente promosse in serie D.
*= Squadre in testa ai propri campionati ma non ancora matematicamente promosse.
A queste squadre nei rispettivi Gironi di Serie D dove verranno inserite si aggiungeranno le sette vincitrici dei play off nazionali d’Eccellenza e la Fermana vincitrice della Coppa Italia Dilettanti.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.408 volte, 1 oggi)