COLONNELLA – Salvare il lavoro dell’Atr. Ecco il compito al quale sono demandate istituzioni, management, lavoratori dell’azienda che ha sede a Colonnella. Domani, venerdì 19 aprile, alle 12.30, si svolgerà un incontro in Provincia di Teramo nel quale si cercherà di fare il punto sul futuro del gruppo Atr dopo che due sentenze hanno, di fatto, annullato la dichiarazione di fallimento.

Sarà presente il commissario straordinario del Ministero, Gennaro Terracciano, è stato invitato l’assessore regionale al Lavoro, Paolo Gatti, sono stati convocati i sindacati, il sindaco di Colonnella e gli imprenditori Massi e Proietti.

Molte le questioni sul tappeto e a preoccupare è soprattutto la sorte dei lavoratori della Atr, un centinaio dei quali, attualmente, lavora al ramo d’azienda ceduto nel corso della gestione commissariale – ma la vendita deve essere ancora perfezionata – alla Newco di Proietti e Massi. Per gli altri lavoratori (circa trecento persone) è pendente al Ministero del Lavoro una richiesta di proroga per altri 6 mesi della Cassa integrazione straordinaria.

“E’ un caso unico in Italia – afferma il Presidente – lo stesso Terracciano ha scritto al Ministero e alla Corte d’Appello per sapere come gestire questa fase transitoria e cosa fare della vendita in corso. A noi interessano solo tre cose: la salvaguardia dell’occupazione, la salvaguardia del polo produttivo e la tutela del reddito delle centinaia di lavoratori coinvolti ed è importante capire cosa possiamo fare per uscire al più presto da questa fase di incertezza”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 522 volte, 1 oggi)