SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ terminata mercoledì 17 aprile la visita della delegazione senegalese a San Benedetto. La rappresentanza senegalese (composta da Ouléye Diaou deputata dell’Assemblea Nazionale del Senegal, Amadou Bamba Fall, vicesindaco di Dakar, Birakane Ndiaye direttore del Gabinetto del sindaco, Marie Ndiaye Dieng responsabile servizio relazioni estere e cooperazione e Ibrahima Diongue collaboratore del Gabinetto del Sindaco), è giunta in città con lo scopo di rinsaldare i rapporti di amicizia, cooperazione e collaborazione tra le due municipalità già avviati naturalmente tra armatori sambenedettesi e senegalesi all’epoca della pesca oceanica.

Durante la breve ma intensa visita, la delegazione ha potuto conoscere la realtà produttiva e le tecnologie che vengono utilizzate nel nostro Paese sia per la refrigerazione, in particolare dei prodotti ittici (bene davvero abbondante in Senegal ma spesso difficile da conservare), sia per la produzione d’energia alternativa. L’energia elettrica è infatti uno dei problemi più rilevanti dell’economia senegalese, in particolare nei territori più lontani dalla capitale dove spesso l’illuminazione pubblica non è garantita ma anche nella capitale.

Dopo la visita ad alcune aziende sambenedettesi avvenuta nella mattinata di martedì 16 aprile, la delegazione, accompagnata dal consigliere Pierfrancesco Morganti, ha manifestato interesse ad avviare forme di cooperazione con le imprese locali. Particolare attenzione è stata rivolta ai processi di trattamento acque che si svolgono nel depuratore sambenedettese gestito dalla Ciip e per quelli di smistamento dei rifiuti attivi presso il centro di selezione di Picenambiente a Pagliare del Tronto.

Sempre nel pomeriggio di martedì 16, la delegazione ha incontrato in Municipio la comunità senegalese e alcuni armatori che negli anni della pesca oceanica si sono recati a Dakar. Nel corso dell’appuntamento, molto partecipato, i delegati hanno salutato e abbracciato simbolicamente i loro concittadini alla presenza del sindaco Giovanni Gaspari, l’assessore alla pesca Fabio Urbinati e il console onorario del Senegal Tullio Galluzzi.

“Un incontro voluto e cercato con la comunità senegalese – spiega Gaspari – è diventato finalmente realtà. La visita della delegazione è stata occasione non solo per stringere accordi di collaborazione con le aziende, ma anche modo per incontrare la comunità senegalese residente a San Benedetto una comunità ben integrata e laboriosa. Siamo certi – ha proseguito Gaspari – che da questo incontro scaturiranno altre opportunità di conoscenza e scambio tra le due municipalità”.

Nella mattinata di oggi, mercoledì 17 aprile, la delegazione senegalese, accompagnata dal presidente del Consiglio Comunale Marco Calvaresi, ha visitato due centri sociali, il Centro diurno socio – educativo – riabilitativo Cediser “L’Arcobaleno” e il Centro Sociale per la terza età “Primavera” e salutato i bambini della scuola “Piacentini”, in particolare la classe 5^ B frequentata da un bimbo di nazionalità senegalese.

Sempre oggi si è svolto un incontro con le dirigenti scolastiche degli Istituti Comprensivi Nord, Centro e Sud Giuseppina Carosi, Stefania Marini e Manuela Germani e i referenti dell’associazione di solidarietà e cooperazione internazionale “Terre des Egales” Domenico Mozzoni e Malick Cissè che, insieme all’amministrazione comunale, sta portando avanti il progetto di ristrutturazione e ampliamento della scuola di Deni Malick Gueye, villaggio a circa 42 chilometri da Dakar.

Nel corso dell’appuntamento si è discusso della possibilità, attraverso la realizzazione di un’aula di informatica nella scuola africana, di possibili iniziative di scambio didattico e culturale tra le due scolaresche

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 278 volte, 1 oggi)