SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Comune di San Benedetto chiede aiuto alla Regione Marche. Sarà infatti Palazzo Raffaello a valutare se la delibera modificata del distributore di benzina dovrà tornare in Consiglio Comunale.

Un consulto extra-territoriale che riporta alla mente l’episodio del 2011 legato alla presidenza della Riserva Sentina. All’epoca, l’amministrazione comunale si rivolse ad Ancona per capire se la nomina del consigliere comunale Gianluca Pasqualini fosse compatibile con nuovo ruolo, ottenendo una risposta negativa.

Il progetto di Viale dello Sport tormenta da settimane il Partito Democratico. La correzione del documento riguarda la dicitura “low cost”, che va a sostituire quella “no logo”. Per le norme sulla libera concorrenza non possono essere fissati tali paletti, in quanto il basso costo del carburante non comporta l’automatica esclusione delle grandi ditte dalla gara.

Loredana Emili e Sergio Pezzuoli, che con questa vicenda consumarono il clamoroso strappo politico il 26 novembre scorso, spingono affinchè il documento riapprodi in assise. Di diverso avviso è invece il sindaco Gaspari, sostenuto da gran parte del gruppo consiliare che, tra le altre cose, non vorrebbe riconoscere la vittoria ai due dissidenti.

Sulla delibera pesano tuttora due ricorsi al Tar, presentati dalla Erg e dall’Eni. Nel caso di quest’ultima, il giudice ha respinto la richiesta di sospensiva, considerando comunque l’argomento meritevole di approfondimenti e rinviando la discussione al 12 dicembre 2013.

La giunta, dal canto suo, non ha alcuna intenzione di mettere mano ad un atto votato dal Consiglio Comunale e lo ha più riprese fatto capire al primo cittadino. Qualora la Regione dovesse concordare con questa linea, la delibera potrebbe essere inserità nell’ordine del giorno del civico consesso in programma il prossimo 30 aprile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 622 volte, 1 oggi)