BARTOLOMEI (vice presidente Samb): Sapevo che oggi il San Cesareo avrebbe vinto poichè la Jesina è ormai salva. E poi i laziali sono veramente una bella squadra. Le partite decisive saranno quelle della prossima giornata: chi domenica sera sarà in testa al campionato probabilmente lo vincerà (il San Cesareo ospita l’Ancona, la Samb va a Pesaro, ndr). Per quanto riguarda la società confermo che martedì avremo un incontro con la cordata milanese che si tratterà un paio di giorni nella nostra città. Con loro mercoledì esamineremo il bilancio. Hanno un programma serio e, se entreranno, il loro scopo sarà quello di vincere perché San Benedetto lo merita. Hanno chiesto di entrare a patto che io mantenga la quota del 30 %. In quattro anni abbiamo speso tanti soldi ed è giusto che, indipendentemente dal risultato finale, ci sia un cambio. Ci sono in ballo, come sapete altre tre cordate: una si è raffreddata, l’altra è la mia ma i miei “soci” entreranno solo se la questione stadio sarà risolta. Oggi in tribuna c’era Deodati (ex Ancona) ma con l’acquisto della Samb non c’entra niente.

DJIBO: Ringrazio Napolano per l’assist da cui è nato il mio gol. Questo schema lo proviamo spesso in allenamento e lui mi ha invitato più volte ad inserirmi in quel modo. Fra l’altro ho segnato con il piede destro che non è il mio preferito. Oggi abbiamo incontrato qualche difficoltà nel primo tempo ma onestamente non abbiamo mai avuto paura di perdere. Le nostre difficoltà erano dovute ad un campo che è in vecchio sintetico.

SHIBA: Si stava prospettando una partita come quella di domenica scorsa contro il Fidene in quanto loro all’inizio pensavano solo a difendersi. Poi nella ripresa dopo un buon finale di primo tempo sono nettamente calati. Oggi ho superato il mio record personale di reti ma non intendo fermarmi qui. Mi sono spesso scambiato di ruolo con Santoni ma lo facciamo sempre anche durante la settimana per aiutarci a vicenda. Sul mio gol potevo tirare forte ma ho preferito piazzare la palla nell’angolo. Se non abbiamo segnato prima è merito anche del loro portiere che è stato bravo. Non avevano niente da perdere ed hanno avuto qualche occasione fra cui anche una traversa ma comunque in quell’occasione Barbetta c’era.

QUODAMATTEO: Solo negli ultimi giorni ho ritrovato la forma fisica, oggi ho giocato solo 25 mimuti ed è andata bene ma non saprei come sarebbe andata a finire se avessi dovuto giocare di più. Prima della partita avei messo la firma per vincere questo campionato senza giocare neanche un minuto, per me è stata un’emozione particolare tornare a vestire la maglia della Samb perché ormai con la testa avevo mollato. Ianni credo che sia recuperabile per domenica prossima. La nostra squadra ha tanta qualità che così com’è adesso potrebbe farsi valere anche in una categoria superiore. Certo che però non possiamo più sbagliare, a sole tre giornate dalla fine.

RULLI (Ex capitano Samb): abito qui vicino, ad Albano Laziale ed è la terza volta che vedo la Samb quest’anno. In precedenza ero stato a Guidonia (Fidene) ed in casa contro la Maceratese. La Samb vincerà il campionato secondo me anche se il calcio è veramente strano visto come oggi ha dovuto sudare contro l’ultima in classifica. Vi posso assicurare che questo terreno sintetico è veramente difficile per chi non ci è abituato. Io ho rescisso il contratto con il Fidene a dicembre e sono in attesa di una squadra di serie D per il prossimo anno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.269 volte, 1 oggi)