SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il sindaco Gaspari ha incontrato sabato mattina in Municipio i promotori del Comitato “Un’onda per il Ballarin”. Un faccia a faccia cordiale, nel quale l’amministrazione comunale ha ribadito l’intenzione di conservare l’area a verde sportivo, tutelando inoltre la memoria storica del posto. A tal proposito, il primo cittadino ha anticipato che i familiari di Maria Teresa Napoleoni e Carla Bisirri verranno premiati col Gran Pavese Rossoblù 2013, il prossimo ottobre. Le due giovani morirono tragicamente il 7 giugno 1981 nel rogo che si estese nella gremitissima Curva Sud dell’impianto.

Memoria e futuro dovranno però necessariamente convivere. Il centrosinistra intende offrire un nuovo volto all’ingresso nord della città, usufruendo del sostegno dei privati. Si percorrerà la strada più rapida per la riqualificazione, sfruttando i ricavi che si otterrebbero con l’accoglimento delle richieste di cambi di destinazione di immobili commerciali che intendono diventare residenziali. “Ho rassicurato l’ennesimo Comitato pro Ballarin, l’area sarà riqualificata, per il progetto si andrà a un concorso di idee”.

Pare infine sfumata del tutto l’ipotesi grattacielo della ditta Santarelli. La Provincia non ha ancora ratificato il pronunciamento tecnico sulle distanze: l’attesa avrebbe convinto il sindaco ha negare l’aumento di volumetrie.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.516 volte, 1 oggi)