SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tra i tanti interrogativi che circolano tra i corridoi di casa Samb l’unica certezza ad emergere è la volontà di combattere per raggiungere gli obiettivi prefissati. Il traguardo prende forma all’orizzonte e i quattro punti che separano i rossoblu dalla capolista acquistano un peso sempre maggiore.

Se fino a questo momento il team di mister Palladini ha preferito pensare “partita dopo partita” ora la situazione chiede un cambio di mentalità che impone di tener conto anche dei risultati conseguiti dall’avversario numero uno.  “Proveremo a vincere tutte le gare rimaste – ha dichiarato Mattia Santoni – Adesso tutto dipenderà non soltanto da noi ma pure da quello che combinerà il San Cesareo”.

Domenica, mentre i rossoblu sfideranno il Fidene, la squadra di Ferazzoli incontrerà la Maceratese: “Hanno una partita difficile e non sarà l’unica visto che dovranno ancora vedersela con Ancona e Civitanovese – ha proseguito l’attaccante – Ho parlato con il secondo di Favo e so che se la giocheranno fino alla fine”. Un calendario che non agevola dunque i romani e che potrebbe facilitare la rincorsa di Pazzi e compagni. Dalle disposizioni del tecnico Palladini emergerebbe la volontà di schierare una formazione a trazione anteriore: “Io e i miei compagni cercheremo di scardinare la difesa avversaria – ha ribadito Santoni – In passato ho giocato come centrale, esterno destro ed esterno sinistro; non so ancora quale sia il ruolo che più mi si addice ma sono pronto a rispettare la volontà del mister”

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 672 volte, 1 oggi)