SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Naturisti alla Sentina per rilanciare il turismo sambenedettese. La proposta è stata lanciata da Sandro Assenti durante la riunione sul tema svoltasi mercoledì pomeriggio in Municipio: “Sarebbe miele – commenta l’esponente della Confesercenti – la Riserva mica deve essere destinata solamente a vegetazione e animali, sarebbe un gran colpo se riuscissimo ad intercettare quel fenomeno”.

In Italia, il turismo naturista non è ancora molto diffuso, tuttavia muove un bacino di 500 mila persone, mentre sono addirittura 20 milioni i nudisti diffusi nell’intera Europa. Nella nostra penisola non esiste alcuna legge che vieta la pratica. Nel 2000, la Cassazione stabilì che compiere nudismo in zone prettamente dedicate non costituisce reato. “E’ evidente – si leggeva nella sentenza – che non può considerarsi indecente, ad esempio, la nudità integrale (…) di un naturista in una spiaggia riservata ai nudisti o da essi solitamente frequentata, al contrario suscita certamente disagio, fastidio, riprovazione chi fa mostra di sé, ivi compresi gli organi genitali, in un tram, in strada, in un locale pubblico, o anche in una spiaggia frequentata da persone normalmente abbigliate”

Al tavolo, oltre al sindaco Giovanni Gaspari e all’assessore di riferimento Margherita Sorge, erano presenti anche i rappresentanti di ConfCommercio, Itb, AssoAlbergatori e Confindustria.

L’incontro si è aperto con un’informativa inerente la tassa di soggiorno 2012. Le entrate si sono attestate attorno ai 400 mila euro e sono state destinate ad iniziative di accoglienza svolte la passata stagione (302.925 mila euro) e ad interventi di manutenzione dei beni ambientali (99.263,58 euro).

In merito all’imposta si è discusso pure sulla possibilità dell’ente comunale di dotarsi di un software che permetta ai gestori delle strutture ricettive, gratuitamente e in maniera semplice e veloce, di comunicare all’ufficio turismo il numero di presenze e il relativo gettito di imposta, monitorando in tempo reale l’andamento della riscossione.

Il Comune ha inoltre illustrato l’iniziativa della Regione “Marche in blu”, ovvero una giornata in cui tutti i sedici comuni marchigiani bandiere blu organizzeranno contemporaneamente un calendario di attività e momenti promozionali rivolti a residenti e turisti di ogni età.

Sul fronte delle iniziative, la Confesercenti ha confermato il Festival del Brodetto. Andrà in scena verso metà luglio e si protrarrà per almeno tre giornate. Come location sarà scelta la zona portuale.

Ufficializzato infine il torneo di tennis per vip e la Notte Bianca, eventi definiti strategici. A loro, a sorpresa, si è riaccodato il Super Summer Games. Abbandonati i Giardini di Zio Marcello, per lo show di Nico Virgili si apriranno le porte dell’ex galoppatoio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 7.253 volte, 1 oggi)