SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “La Notte Bianca rientra negli appuntamenti legati al Commercio”. Lo dice l’assessore di riferimento, Fabio Urbinati, rassicurando i promotori dell’iniziativa che nel 2013 si appresta a festeggiare il decimo anniversario.

“Allargheremo il tessuto delle realtà produttive da coinvolgere, cercando di far lavorare tutti. L’anno scorso fu un successo enorme, nonostante la rinuncia alla discoteca sulla spiaggia. Meno sballo e più famiglie in giro, è quello il percorso giusto. Bisseremo quell’esperienza, ovviamente migliorandoci. L’associazione sta preparando uno show importante, con un nome di grido. C’è il massimo riserbo”.

Non dovrebbe mutare nemmeno il discorso relativo al contributo economico da elargire agli organizzatori. Il Comune non finanzierà nulla, fatta eccezione del villaggio per bambini che, come l’estate passata, sorgerà in piazza San Giovanni Batista. A ciò si sommeranno le varie concessioni per l’occupazione del suolo pubblico e i servizi di sorveglianza (grazie ai Vigili Urbani) e della Picenambiente.

Dagli Uffici del settore Cultura e Turismo comunque giungono parziali aperture: “L’evento potrà essere tra i progetti che verranno vagliati al tavolo del turismo. In verità  già in una recente riunione è emersa l’idea di poter organizzare una Notte Bianca che si svolga su tutto il litorale della Riviera delle Palme, tra San Benedetto, Grottammare e Cupra Marittima”. Per quanto riguarda invece il Premio Libero Bizzarri, nel Bilancio è previsto uno stanziamento dedicato all’iniziativa fin dalla costituzione della Fondazione di cui il Comune è socio fondatore. “Negli anni – afferma Margherita Sorge – l’Ente ha promosso e sostenuto la rassegna del documentario e non intende far mancare questo sostegno proprio oggi che si è giunti al ventesimo anno d’età. Di fatto, il documento previsionale 2013 presenta un contributo immodificato rispetto agli altri anni. Inoltre, reputo che anche i Super Summer Games possano essere portati in discussione del tavolo del turismo”.

FONDI EUROPEI PER ANGHIO’ Buone notizie infine per il Festival del pesce azzurro. “Anghiò”, a cui l’amministrazione ha concesso circa 20 mila euro, potrebbe rientrare nella promozione dei prodotti ittici locali a carico dell’Europa: “Dal 2014 di sicuro godremo dei loro fondi”, avverte Urbinati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 889 volte, 1 oggi)