SAN BENEDETTO DEL TRONTO – 600 mila euro destinati alle cure domiciliari di ex dipendenti pubblici o dei loro familiari. L’iniziativa è promossa dall’Inps e coinvolge l’Ambito Territoriale 21, composto da dodici Comuni, di cui San Benedetto è capofila.

L’accordo di programma con la direzione regionale prevede che la concessione economica vari da un minimo di 200 euro ad un massimo di 1200 per un anno. La cifra verrà elargita successivamente alla domanda posta in base al reddito Isee e all’entità delle condizioni del soggetto richiedente.

L’Inps Gestione Pubblica mette a disposizione 600mila euro per Home Care Premium, un progetto volto alla costruzione di un modello innovativo , sperimentale e sostenibile di assistenza domiciliare. Rivolto ad aiutare le condizione di non autosufficienza e invalidità, verrà diramato a tutti i dipendenti ed pensionati pubblici, nonché i loro coniugi e familiari di primo grado che, residenti nell’Ambito, aderiranno e faranno domanda di sostegno economico e assistenziale.

Il progetto è denominato Home Care Premium e potrà accontentare non più di 140 persone. “Entro maggio se ne dovranno raggiungere 50”, spiega il coordinatore d’Ambito, Antonio De Santis. “Puntiamo ad arrivare al totale entro settembre”.

Dal 2 aprile sarà attivo uno sportello sociale presso l’Informagiovani del Municipio. E’ possibile chiamare lo 0735.794475.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 361 volte, 1 oggi)