SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  A casa Dessì è arrivata nel pomeriggio di venerdì 22 marzo, la telefonata tanto attesa. Gli avvocati Leo Sestri  di San Benedetto e Dario Bianchini di Venezia, hanno comunicato a Mirko e Tiziana la bella notizia.

Il tribunale di Ascoli Piceno ha infatti  espresso parere favorevole e Manuel Dessì potrà essere sottoposto ad infusione delle staminali.

Il giudice Pier Giorgio Palestini si era preso dei giorni per valutare il caso, ma alla fine il tanto agognato  “Sì” è stato pronunciato.

Ora Manuel, affetto da Sma I (atrofia muscolare spinale),  potrà usufruire del prelievo delle staminali  effettuato qualche tempo fa dal padre Mirko e intorno alla prima decade di aprile, subito dopo Pasqua, si potrà praticare l’infusione a Brescia, presso la Stamina Foundation. (La onlus di Davide Vannoni è depositaria del cosiddetto metodo Stamina, ovvero la somministrazione a scopo terapeutico di staminali come cura contro malattie degenerative nrd).

Abbiamo raggiunto la mamma Tiziana al telefono: “Sono contenta per Manuel ma non trovo giusto che questa possibilità venga negata ad altri bambini. Mi dispiace che altri genitori debbano affrontare il nostro stesso calvario”.

Mentre Mirko su Facebook: “E’ arrivata la telefonata, per Manuel è si! Ora mi batterò per tutti quelli che non hanno la nostra fortuna!”.

Commenti del genere lasciano spazio a tante considerazioni, una su tutte: vivere una storia del genere allarga il cuore, in tutti i sensi.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.342 volte, 1 oggi)