SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Quando andai a lavorare in Irlanda, nel 93, scoprii, grazie alle tante amicizie che mi ero fatto lì, la festa di Saint Patrick e nacque subito una passione personale. Ti accorgi subito della sacralità ma anche della grande apertura, tant’è che festeggiano tutti”.

Tra i ricordi di Paolo Forlì anche le prime feste, tornato in Italia, che organizzava a casa, visto che all’epoca non è che fosse nota ai più la giornata dedicata a San Patrizio.

Ecco svelata la location per il 2013. Il Saint Patrick’s Day si terrà al Viniles, domenica 17 marzo.

“Questa anno cade di domenica- continua Forlì- e siamo organizzati da quattro mesi. Abbiamo i fusti originali della birra vera provenienti direttamente dal St. James’s Gate Brewery, il birrificio di Dublino conosciuto come la casa della Guinnes. La birra irlandese più famosa del mondo verrà spillata in maniera originale nel bicchiere da una pinta (0,52), questo per tradizione deve essere asciutto e pulito. Si spilla fino a 3/4 di bicchiere e quando il liquido, dopo che ha riposato diventa nero ci si mette il trifoglio, la schiuma. Se il trifoglio viene bene la birra e buona”.

Oltre alla Guinness verranno proposte anche la Beamish di Cork e la bionda Tennent’s.

Cento fortunati, che sono riusciti a prenotare in tempo, parteciperanno alla Cena Irish. Il menu comprenderà Irish Stew, il tipico stufato irlandese; cozze alla Guinness con patate fritte e torta rustica ai funghi e jacket potatoes. “Anche questo anno tutto esaurito”, commenta entusiasta Forlì.

L’accompagnamento musicale che legherà il momento della cena a quello della festa vera e propria sarà curato dai Chicago Blues Duo con Carlo De Signoribus. Dalle 22 in poi, si alterneranno dei dj capitanati dal Duo Resident Luca Cameli e Spadino dj e la musica celtica.

Abbiamo chiesto a Forlì qual è secondo lui il segreto di tanto successo protratto negli anni: “L’organizzazione puntuale. Nulla è lasciato al caso non c’è qualità nell’improvvisazione. Negli anni abbiamo fatto dei viaggi coinvolgendo sempre più gente. Infatti domenica tanti saranno in kilt, rigorosamente portato alla celtica (sorride sempre più soddisfatto ndr)”

Durante la serata non si serviranno mezze punte ma solo pinte 0, 52 ed esclusivamente sul bicchiere di vetro. Le birre costeranno 5 euro. “Anche se ormai visto che a Milano e Roma costa 7 euro e che i fusti costano il doppio degli altri si potrebbe arrivare a 6 dal prossimo anno” conclude Forlì.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 347 volte, 1 oggi)