SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Abbiamo ricevuto su Picenooggi.it questo commento che riportiamo integralmente con l’impegno di fare domani le necessarie verifiche e possibilmente con qualche testimonianza che abbiamo chiesto al lettore di Ascoli.

Egregio Direttore le segnalo il vile attacco a tifosi dell’Ascoli (anziani e donne), che erano di ritorno dalla partita di Cesena, da parte di pseudo tifosi/teppisti sambenedettesi. Notizia riportata da altro giornale .

“ASCOLI – Una vile aggressione nel buio della notte. Un gruppetto di tifosi dell’Ascoli composto per lo più da donne e anziani al ritorno dalla trasferta di Cesena è rimasta vittima di un infame agguato vicino al casello di Pedaso dell’A14 dove il loro pulmino si era fermato per consentire agli occupanti di riprendere le loro auto.
Gli aggressori, una quindicina, indossavano sciarpe rossoblù, avevano il volto coperto ed erano armati di bastoni e mazze da baseball. Sono spuntati all’improvviso da dietro una siepe e dopo aver apostrofato il gruppetto “ascolani, vi ammazziamo tutti” hanno iniziato a picchiare con inaudita violenza.
I tifosi ascolani, tra cui alcuni settantenni, si sono difesi come potevano dall’agguato che tutto lascia presagire sia stato premeditato per poi chiamare i soccorsi.”
Basta è ora di finirla. Questi delinquenti di strada oltre a far danno di immagine ed altro alla Sambenedettese e alla medesima città, continuamente sottoposta a squalifiche, divieti e multe per giusti motivi, ora sono aritefici di pura violenza anche contro tifosi di calcio che appartengono a tutt’altro campionato! Non sarebbe ora che la suddetta società si decida veramente ad emerginarli segnalandoli a chi di dovere invece di prenderne le difese pubblicamente domenicalmente?

A noi non è giunta segnalazione di quanto accaduto da parte di organi di polizia né da parte di sportivi che avrebbero subito l’aggressione. Fatti che probabilmente sono stati riferiti al giornale che ha pubblicato la notizia. Questo è il motivo per cui non abbiamo scritto dell’accaduto. Ci aspettiamo che qualche testimone (ascolano e sambenedettese) chiami in redazione (0735 762012) o venga direttamente nella nostra sede per esporci la propria versione dei fatti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.912 volte, 1 oggi)