CUPRA MARITTIMA – Per alimentare la grande passione e per rendere omaggio al loro storico fondatore Severino Trionfante la compagnia cuprense sale di nuovo sul palcoscenico con “Come si rapina una banca”, commedia in tre atti dell’autore teatrale e radiofonico, Samy Fayad, il quale trova nella napoletanità il terreno fertile per i personaggi, i costumi e l’ambiente delle sue commedie. Prosegue, quindi, la tradizione del filone napoletano che tanti successi ha fatto ottenere ai Liberi teatranti sia in ambito locale che nazionale.

La data di febbraio, rinviata per cause di forza maggiore, viene quindi recuperata mercoledì 6 marzo alle ore 21.15 presso il teatro Margherita di Cupra Marittima all’interno della rassegna invernale Cuprense.

“Come si rapina una banca” è innanzi tutto uno spaccato della Napoli del Boom edilizio, ma le stesse scene, specialmente quella dove si svolge il primo atto, fanno pensare a periferie abbandonate dove trovano rifugio vagabondi ed emarginati di talento. Del resto tutti i personaggi di “Come si rapina una banca” non hanno fatto centro nella vita perché come dice Agostino, non possiedono un metro di cento centimetri, ma ne hanno uno di novanta. Agostino è un sognatore, un inventore che mette le proprie invenzioni al servizio della società, ma ogni invenzione che si rispetti va finanziata. Agostino facendo ricorso alle sue intuizioni, per racimolare il capitale, riesce a entrare nottetempo in una banca con l’intera famiglia per un’improbabile rapina. La rapina riesce ma, a Napoli, si sa, un gatto nero è più forte del destino e può compromettere ogni cosa. Attraverso un finale a sorpresa carico di suspense e di humour, Agostino e famiglia non si approprieranno dell’ingente bottino ma, per altre vie, raggiungeranno quella tranquillità che nella vita non viene mai negata ai giusti ad agli onesti.

La regia è firmata da Emilio Fabrizio La Marca, nipote dei famosi Carlo e Aldo Giuffrè.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 228 volte, 1 oggi)