TABELLINO: Sutor Montegranaro – Umana Venezia 88-64.
SUTOR MONTEGRANARO: Cinciarini 22 (5/7, 2/5), Panzini 2 (1/2, 0/2), Perini n.e., Slay 2 (1/4, -/-), Freimanis  0 (0/4, -/-), Campani 4 (1/3, -/-), Di Bella 8 (4/9, -/-), Johnson 15 (2/4, 2/4), Burns 25 (9/14, 0/1), Amoroso 10 (2/6, 1/3). All.: Carlo Recalcati.
UMANA VENEZIA: Clark 5 (1/2,1/6), Bulleri 3 (0/3, -/-), Diawara 15 (5/9, 0/4), Marconato 0 (-/-, -/-), Zoroski 10 (0/2, 2/5), Szewczyk 5 (1/1,1/4), Young 0 (0/2, 0/1), Bowers 15 (7/8, 0/2), Rosselli 4 (0/1, 1/2), Magro  2 (1/2, -/-), Hubalek 5 (2/4, -/-) , Candussi 0 (-/-, -/-).   All: Mazzon Andrea.
Arbitri: Sabetta, Giansanti, Biggi.
Note: Parziali 20-13, 33-12, 17-17, 18-22. Tiri da due Montegranaro 25/53, Venezia  17/34. Tiri da tre Montegranaro 5/15, Venezia  5/24. Tiri liberi Montegranaro 23/28, Venezia  15/19. Assist Montegranaro 13, Venezia  18. Stoppate Montegranaro 1, Venezia  4. Schiacciate Montegranaro 3, Venezia  2. Rimbalzi totali Montegranaro 42, Venezia 35.

ANCONA – Mancano appena dieci partite alla fine del campionato e, dopo tutte le peripezie di cui si è resa protagonista la Sutor Montegranaro negli ultimi tempi, con gli stipendi in ritardo e le proteste dei giocatori, il risultato della gara odierna contro  l’Umana Venezia non è scontato.

Si apre il match e subito la Sutor detta i suoi ritmi: in difesa contro Venezia è attenta e controlla gli avversari tanto da rendere difficile la penetrazione nell’area pitturata. Nei primi quattro minuti di gioco è infatti solo Montegranaro a far sventolare la retina (7-0). Merito del gioco di squadra e di un Burns in grande spolvero. L’Umana non tiene l’urto della Sutor e reagisce caricandosi di falli: l’allenatore Mazzon è costretto a richiamare in panchina il suo play Young perché, in pochi minuti, va a commettere ben tre falli. Cresce mentalmente Montegranaro, mentre regredisce l’avversaria. Tante le palle perse di quest’ultima alla fine del quarto e al termine della gara (21 contro le 8 di Montegranaro). E mentre per la squadra di casa i 20 punti derivano da uno sforzo corale, per Venezia si può dire che solo due giocatori tirino la carretta: dei 13 punti messi a segno, 9 sono di Diawara e 4 di Bowers.

All’inizio del secondo quarto è Hubalek a impensierire la difesa sutorina. Riesce infatti a realizzare subito 2 canestri, ma a turno i Gialloblu gli prendono le misure. Dalla bomba di Cinciarini che segna 25-17 sul tabellone inizia il crescendo inarrestabile della Sutor. Recalcati gestisce gli ingressi in campo e da buon regista dà spazio anche a Panzini e Campani. Al terzo minuto, Amoroso infila una tripla che porta il vantaggio gialloblu a +15. Ma l’allenatore avversario, Mazzon, indugia ancora a chiamare il time-out per riorganizzare il gioco. Con la tripla di Johnson e altri due falli dei suoi rompe gli indugi e finalmente richiama a sé i giocatori. Un effetto, seppur blando, lo ottiene, visto che Clark al rientro in campo tira dall’arco e segna (35-20). La reazione di Venezia sarà l’ultimo canto del cigno, perché con cinque minuti da giocare troverà il canestro solo tre volte, uno dei quali è un tiro libero di Diawara. Qualcosa non funziona nella visione di gioco avversaria e Montegranaro ne approfitta infliggendo un durissimo parziale (33-12). Si va al riposo lungo con la sicurezza che danno 28 punti di vantaggio: 53-25.

Il secondo tempo si apre con un terzo quarto piuttosto equilibrato. Da un lato Venezia cerca di rientrare in partita, ma a fatica e senza un significativo risultato. Dall’altro, la Sutor, forte del suo vantaggio, può permettersi di allentare un po’ la presa, così da regalare sul finale ben sette punti all’Umana: quattro sono i liberi che Rosselli e Bulleri segnano grazie ai rispettivi falli di Freimanis e tre arrivano dalla bomba di Rosselli (70-42).

Anche l’ultimo parziale non riserva sorprese dal punti di vista del punteggio. Recalcati fa guidare il gioco ai piccoli, mentre Venezia fa affidamento sulle iniziative personali di qualche giocatore più lucido. Scema il vantaggio di qualche unità, ma il destino dell’Umana è segnato già dal primo tempo. La Sutor archivia la pratica Venezia e mette altri 2 due punti nel sacco salvezza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 153 volte, 1 oggi)