MARTINSICURO – Mezzo chilo di hashish sotterrato in giardino. Pensava di aver trovato un nascondiglio sicuro l’extracomunitario arrestato venerdì pomeriggio a Martinsicuro, ma non aveva fatto i conti con i carabinieri che durante una perquisizione domiciliare hanno ritrovato lo stupefacente.

In manette per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio è finito Said Sbia, marocchino di 42 anni residente a Martinsicuro e con precedenti di polizia. L’uomo aveva sotterrato la droga in una buca scavata in un’aiuola davanti casa, ma i carabinieri del Nucleo Operativo di Alba Adriatica, guidati dal luogotenente Gregorio Camisa e coordinati dal capitano Pompeo Quagliozzi, nel corso di un’operazione antidroga sul territorio hanno effettuato un blitz in casa del nordafricano, sita lungo la statale Adriatica a Martinsicuro. I militari durante la perquisizione hanno notato davanti all’abitazione che una delle aiuole presenti aveva la terra dissodata rispetto alle altre. Armatisi quindi di paletta da giardiniere, i carabinieri in pochi minuti hanno scavato e trovato 5 panetti di hashish da 100 grammi ciascuno avvolti tra le pagine di un quotidiano. In casa sono stati trovati inoltre 1800 euro probabile frutto dell’attività di spaccio in quanto l’uomo risulta senza lavoro. Lo stupefacente e il denaro sono stati sequestrati e il marocchino, dopo l’arresto, ha trascorso la notte nella cella di sicurezza nella caserma di Alba Adriatica. Questa mattina comparirà davanti al giudice del Tribunale di Teramo per l’udienza di convalida.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 443 volte, 2 oggi)