SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Botta e risposta; non poteva essere altrimenti. Elio Core replica alle accuse di Alberto Malavolta, presidente dell’associazione Amici del Carnevale, che aveva auspicato il ritorno ad un unico Carnevale cittadino.

“La manifestazione presso la piazza Cristo Re è stata un successo – obietta il presidente del Quartiere Porto d’Ascoli Centro – superando ogni aspettativa  ed i cittadini del quartiere sono entusiasti. Si ribadisce che tale iniziativa è stata voluta dai cittadini unitamente al Comitato di quartiere che, attraverso le pubbliche assemblee, hanno evidenziato la necessità di vivacizzare questo territorio con iniziative, al fine di toglierlo dall’isolamento del resto della città. Quindi, sulla base di questi principi, occorre superare le polemiche e capire i motivi profondi di questa iniziativa che non divide la città ma la unisce, integrandola e rendendola partecipe. Il Carnevale costituisce una vetrina commerciale, un mezzo promozionale per questo territorio, per farsi conoscere, per rilanciare l’economia locale, per regalare un sorriso a quanti impossibilitati a raggiungere il centro della città, agli anziani, ai bambini”.

Core conferma come si tratti dell’inizio di una lunga tradizione. “E’ di tutta evidenza che occorre un ripensamento nella organizzazione del carnevale in questa città per renderla più partecipe, per coinvolgere le varie realtà, in considerazione che vengono spesi soldi della collettività e come tale si esige competenza, efficienza organizzativa e ritorno commerciale per la cittadinanza”

Infine puntualizza: “Abbiamo organizzato la manifestazione esclusivamente con i contributi dei cittadini del quartiere e ciò dimostra che  questo evento era sentito, con riscontri peraltro positivi per gli operatori economici.  Con questi principi e con queste idee intendiamo da subito preparare l’evento per il prossimo anno, coinvolgendo altri quartieri del sud della città”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 743 volte, 1 oggi)