SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Meglio del previsto. I due giocatori della Samb che ieri sono stati ricoverati all’ospedale San Filippo Neri di Roma, attiguo all’impianto sportivo dell’Astrea, dove i rossoblu hanno perso 3-2, sembra siano in condizioni meno gravi di quanto temuto.

Della situazione di Camilli e Traini ne dà conto il direttore generale: “I ragazzi stanno abbastanza bene, dopo essere stati ricoverati al pronto soccorso dell’ospedale San Filippo Neri attiguo allo Stadio di Casal de Marmo, era intenzione del nostro staff medico riportarli subito a casa con il pulmino della società. Per Camilli si temeva una frattura al perone scongiurata dagli esami effettuati presso il nosocomio romano, Traini ha subìto un colpo in faccia in occasione del gol, che gli ha provocato un profondo taglio vicino all’occhio. Ha fatto tutti gli accertamenti del caso, è stato medicato e sta ripartendo alla volta di casa (ha scritto Spadoni attorno alle 23 di domenica sera, ndr), sembra senza gravi conseguenze”.

Su alcune polemiche sorte a seguito della situazione, poiché con Traini e Camilli sono rimasti alcuni addetti dell’ufficio stampa e due giornalisti sambenedettesi, Spadoni scrive: “Rispondo a chi su Facebook ha accusato me e Cimmino, o la società di non esserci. Faccio presente che il sottoscritto era in pulmann con la squadra e ha seguito la stessa già da ieri per stare vicino ai ragazzi e allo staff. E’ rimasto con i ragazzi il massaggiatore Ferri in costante contatto col dottor Bozzi, perciò lo staff medico, come di sua competenza, ha seguito l’evolversi della vicenda. L’ufficio stampa della nostra società ha preferito trasportare due giornalisti piuttosto che Cimmino e solo per questo Catello non era su un mezzo societario ma nell’auto di un amico. Tutto ciò per chiarire che in una giornata difficile che ha rischiato di divenire quasi tragica, dei commenti polemici di certi personaggi se ne potrebbe fare benissimo a meno, comunque va bene lo stesso, peccato per la sconfitta e per fortuna per i due ragazzi niente di particolarmente grave. Grazie di cuore a chi tornerà a casa a mezzanotte per averli aspettati”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 866 volte, 1 oggi)