SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’esposto di Daniele Primavera contro i manifesti istituzionali 6×3 installati in Via Torino e Via Manara preoccupa l’amministrazione comunale, che nella mattinata di venerdì ha provveduto a cancellare le tre assemblee di quartiere fissate per il 18, 19 e 21 febbraio. Da fonti vicine al sindaco emerge infatti l’allarme per la possibile reazione dell’Agcom, in favore del segretario provinciale di Rifondazione Comunista.

Una serie di precedenti fanno supporre che l’Autorità di Garanzia per le Comunicazioni potrebbe accogliere la contestazione, ammonendo così il comportamento del primo cittadino ad una settimana dal voto.

La pratica da inviare all’Agcom sarà redatta dal Corecom, presieduto da Pietro Colonnella. “Confido nella correttezza di Pietro a fronte di una violazione talmente palese da non poter essere negata”, dichiara Primavera, sottolineando il conflitto d’interesse che graverebbe sull’ex Sottosegretario, in quota Pd.

Sui megaposter venivano ricordati i lavori attuati dalla giunta in ambito di mobilità dolce e di Riserva Sentina. Gaspari è stupito delle polemiche e sarebbe intenzionato a rendere note solo informazioni di servizio e di stretta necessità, annullando tutti gli impegni con la stampa da qui al 25 febbraio. Quasi certamente non si svolgeranno le due conferenze settimanali in scaletta, mentre – come anticipato – non vedranno più la luce gli incontri pubblici sul Bilancio.

Non si tocca invece dal calendario l’inaugurazione della pista ciclabile di Via Manara: si terrà domenica a mezzogiorno.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 736 volte, 1 oggi)