SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un’estate dalle strisce blu sarà per i turisti e soprattutto i pendolari, quella del 2013.

Chiuso il parcheggio ex Tirassegno. Motivo? L’abbiamo chiesto a Felice Paolini della “Paolini Costruzioni”: “Come proprietari del terreno abbiamo dovuto risarcire due automobili che si sono allagate”. Ricordiamo che di sovente quando piove, l’intera area diventa una pozza d’acqua, di difficile accesso.

Di fatti la ditta aveva acquistato l’area più di 10 anni fa, la pagarono in lire, ricorda il titolare.

Esiste anche un progetto per costruire un edificio presentato al Comune di San Benedetto circa tre anni fa: “Non abbiamo avuto ancora risposta- commenta Paolini- Noi abbiamo acquistato con l’idea di costruirci. In più l’atto va perfezionato, non possediamo tutto il terreno perché il Ministero della Difesa (l’antico proprietario dell’ex tirassegno, ndr) dovrebbe cederci entro l’anno l’ultimo fazzoletto di terra”.

San Benedetto perde uno dei pochi parcheggi liberi in quell’area, non potendo contare su quelli in zona stadio perché recintati. Per legge però, a fronte di zone a pagamento, dovrebbero esserci nelle immediate vicinanze, delle aree libere.

Riportiamo di seguito l’articolo 7  comma 8 del Codice della Strada: Qualora il comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta di cui al comma 1, lettera f), su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta.

Tale obbligo non sussiste per le zone definite a norma dell’art. 3 «area pedonale» e «zona a traffico limitato», nonche’ per quelle definite «A» dall’art. 2 del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 97 del 16 aprile 1968, e in altre zone di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente individuate e delimitate dalla giunta nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico.

AGGIORNAMENTO: Se è vero che per il Codice Stradale si debbano affiancare zone blu a quelle non a pagamento, abbiamo trovato una delibera di giunta  del Comune di San Benedetto, la numero 116 del 6 maggio 2008 che ha stabilito:

 1. di individuare la parte di territorio comunale interamente compresa nel centro abitato ed
ubicata a ridosso del mare, delimitata al successivo punto 2, quale Zona di particolare
rilevanza urbanistica, nella quale sussistono esigenze e condizioni particolari di traffico”;
2. di delimitare la zona individuata al precedente punto 1 secondo i seguenti confini:
– confine est: limite occidentale dell’arenile;
– confine ovest: rilevato della linea ferroviaria Ancona – Pescara;
– confine sud: fosso collettore;
– confine nord: torrente Albula;
3. di disciplinare con specifiche ordinanze le modalità di attuazione del presente
provvedimento;
4. di dichiarare, con separata e unanime votazione espressa nelle forme di legge, la presente
deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 267/2000.
(Leggi la delibera di Giunta  completa).
Stando ai dettami della delibera anche il parcheggio dell’ex tirassegno starebbe  in zona di particolare rilevanza urbanistica e per questo motivo sarebbero legittimi tutti i parcheggi blu senza l’obbligo di altrettante zone libere.
Nelle prossime ore cercheremo di dare seguito alla faccenda, chiedendo spiegazioni all’assessore di riferimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.912 volte, 1 oggi)